L’amministratore delegato di Microsoft parla dell’economia italiana

Mario Derba, amministratore delegato per l’Italia di Microsoft, in un’intervista pubblicata su Ilsole24ore, spiega la sua visione per il futuro dell’economia in Italia. Innanzitutto, secondo Derba, per rilanciare l’economia con requisiti che si basino su innovazione e Ict, serve una situazione politica stabile e forte per il Paese.Stando a quanto affermato dal numero uno in

Mario Derba, amministratore delegato per l’Italia di Microsoft, in un’intervista pubblicata su Ilsole24ore, spiega la sua visione per il futuro dell’economia in Italia.

Innanzitutto, secondo Derba, per rilanciare l’economia con requisiti che si basino su innovazione e Ict, serve una situazione politica stabile e forte per il Paese.

Stando a quanto affermato dal numero uno in Italia di Microsoft, bisogna insistere con il programma di incentivi all’innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione (e-government 2.0) con la digitalizzazione di tutta la PA ed eliminare la carta dagli uffici.

Derba sostiene che:

il presupposto per attrarre investimenti dall’estero è mostrare credibilità, elemento che si basa sulla continuità delle scelte strategiche, anche nel passaggio da un governo a quello successivo.

Quale sarà allora la risposta della classe politica riguardo ai grandi temi dell’economia, innovazione e modernizzazione?

Ti potrebbe interessare
Ping: un milione di utenti in sole 48 ore
Apple

Ping: un milione di utenti in sole 48 ore

Sembra essere nato sotto una buona stella Ping, il social network musicale targato Mela, disponibile dal primo settembre con la versione 10 di iTunes. Proprio il largo bacino di utenza di iTunes Store e, non ultimo, l’utilizzo svincolato da browser esterni, ha decretato il successo di questo nuovo esperimento di Cupertino: 1 milione di iscritti

AstroFlash è tra noi
Software e App

AstroFlash è tra noi

Pronto il download in versione beta di Flash Player 10. Molte le novità ma soprattutto è importante la componente di fiducia nella comunità. Le migliorie vengono dal feedback e sono sempre di più gli strumenti per produrre parti autonome da integrare