QR code per la pagina originale

Microsoft compra Farecast per 115 milioni

Nuova acquisizione per Microsoft, che con 115 milioni di dollari ha rilevato Farecast, una web company specializzata nella previsione delle tariffe per voli di linea e hotel. I servizi della società saranno integrati nei portali gestiti da Redmond

,

Con un investimento indicato intorno ai 115 milioni di dollari, Microsoft ha portato a termine l’acquisizione di Farecast. La piccola società, nata appena due anni fa, è stata la prima a fornire sul Web un servizio di previsione dei costi per l’organizzazione di viaggi fai da te. Come da abitudine, Redmond non ha fornito alcun dettaglio sulle caratteristiche dell’accordo, che si inserisce nella strategia indicata da Steve Ballmer di creare un microcosmo di piccole acquisizioni per la società.

«Farecast è stato uno dei partner del nostro MSN Travel e non vediamo l’ora di poter lavorare a stretto contatto con il team di Farecast per integrare e applicare le loro soluzioni tecnologiche con nuove modalità molto interessanti» ha dichiarato Whitney Burk, portavoce del comparto Online Services di Microsoft. L’intero gruppo di sviluppo di Farecast, costituito da una trentina di persone in tutto, sarà integrato nella società di Redmond che, almeno per il momento, non prevede alcun licenziamento o ridimensionamento dell’attività.

Attraverso il blog della compagnia, l’amministratore delegato di Farecast, Hugh Crean, ha confermato l’acquisizione dichiarandosi entusiasta per l’accordo raggiunto con Microsoft. Ideata nel 2003 e resa pubblica e disponibile online nel 2006, Farecast fornisce ai propri utenti un dettagliato servizio di previsione per trovare tariffe e periodi più convenienti per organizzare un viaggio, sia esso di lavoro o di svago. Un particolare algoritmo calcola, per esempio, una data tariffa per un volo aereo prevedendone poi eventuali aumenti, o diminuzioni, del prezzo nel corso dei giorni successivi.

Benché non sia ancora chiaro quale sarà il ruolo di Farecast all’interno di Microsoft, è presumibile che la società di Redmond intenda integrare ulteriormente i servizi di previsione delle tariffe nei suoi portali MSN e Live. Il sistema di ricerca dei voli e degli hotel potrebbe essere integrato con analoghi servizi già attivati da Microsoft nell’ambito della pianificazione dei viaggi.