QR code per la pagina originale

Trimestrale AMD, ancora gravi perdite

AMD ha chiuso il suo primo trimestre fiscale 2008 registrando perdite per 358 milioni di dollari a monte di un fatturato pari a 1,52 miliardi. La società mira quindi ad un completo riassetto delle diverse unità produttive

,

AMD chiude il primo trimestre fiscale 2008 conseguendo perdite per quanto riguarda l’intera unità business pari a 358 milioni di dollari, 59 centesimi per azione. Il primo trimestre del 2007 aveva registrato perdite per 611 milioni di dollari. Urge quindi una revisione dell’intero assetto della società, le cui divisioni saranno attentamente esaminate allo scopo di individuare i rami più scarsamente produttivi. Nel frattempo AMD ha confermato l’intenzione di ridurre del 10% la propria forza lavorativa attraverso il licenziamento di 420 dipendenti.

A rendere la pillola ancora più amara, si aggiunge il fatto che per la società si tratta del sesto trimestre consecutivo in rosso; dal terzo trimestre 2006 ad oggi AMD ha registrato perdite per ben 4,311 miliardi di dollari. Il fatturato relativo al trimestre in corso è pari a 1,51 miliardi di dollari, inferiore di 500 milioni alla cifra necessaria per raggiungere un pareggio nel bilancio, ma comunque superiore del 22% agli 1,23 miliardi registrati nel primo trimestre 2007, benché inferiore del 15% a quanto fatturato nel quarto trimestre dell’anno precedente.

Secondo Robert Rivet, chief financial officer di AMD, i risultati della trimestrale sono dovuti principalmente alla debolezza stagionale, alla economia e ai risultati non proprio ottimali delle vendite. «La debolezza stagionale del primo trimestre è stata amplificata dalla precaria situazione economica», ha dichiarato Rivet, «e dai guadagni relativi alle vendite dei prodotti della generazione precedente, rivelatesi più scarse del previsto, con un conseguente profitto non in linea con le previsioni per quanto riguarda tutto il segmento business». Rivet confida ad ogni modo in un futuro decisamente più roseo per la sua compagnia a partire dalla seconda metà del 2008.

AMD intende passare al vaglio tutte le sue unità business allo scopo di vendere tutte le divisioni non più strategiche per l’azienda. Le unità principali relative alla produzione di CPU e schede grafiche saranno invece mantenute e revisionate nel nome della leadership e della redditività.