QR code per la pagina originale

Fulmini e tempeste contro l’iPhone

Separatamente ma contemporaneamente le due aziende (sempre più vicine) lanciano nuovi obiettivi per il mercato della telefonia mobile, strategie molto aggressive per guadagnare in fretta quote importanti ognuno nel proprio settore di riferimento

,

Due previsioni e due conferme arrivano da due aziende in continua rincorsa nel settore mobile. Da una parte c’è RIM, produttrice del BlackBerry e dall’altra Microsoft, produttrice del sistema operativo Windows Mobile.

Per RIM, dopo l’annuncio del lancio del nuovo modello 9000 o Bold, arriva anche la conferma sulle voci di due modelli ancora più direttamente in gara con l’iPhone perchè dotati uno di un unico grande touchscreen e l’altro di un sistema di connettività dual mode. I nomi più papabili dovrebbero essere Storm e Thunder.

Il Thunder sembra sarà il telefono interamente touchpad fatta eccezione per i tasti di inizio e fine conversazione, un modello che dovebbe essere pronto per il terzo quadrimestre dell’anno. Del resto dalla RIM non avevano mai negato (sebbene nemmeno confermato pienamente) la volontà di fare un telefono tutto da toccare. La cosa più interessante è come abbiano sempre e comunque parlato di tastiere (punto dolente dell’iPhone): «Crediamo che molta della nostra base utenti sia gente che manda molti messaggi» ha dichiarato a APC Mike McAndrews, vice presidente Marketing di RIM «è da lì che veniamo, è quello il nostro retaggio e per questo mettiamo molto design nelle tastiere».

La tastiera ad ogni modo non sarà un problema per lo Storm, il telefono dual mode, che l’avrà nella stessa foggia del BlackBerry Pearl e che, come probabilmente anche il Thunder, godrà di connettività CDMA e GSM (per essere coperti in ogni parte del mondo) così da gestire flussi di dati con tecnologie di terza generazione e mezzo e quarta (dunque anche HSDPA). Tanto il lancio sembra importante che pare che Vodafone e Verizon non avranno l’esclusiva.

Dall’altra parte Microsoft intende conquistare il 40% del settore dei sistemi operativi per telefoni cellulari entro il 2012, cosa non facile calcolando che il sistema era in 11 milioni di device a fine 2007 e conta di essere in 20 milioni di telefoni per la fine del 2008 (si parla di anni fiscali che cioè finiscono il 30 Giugno), una quota che nel 2007 era pari al 13% del totale, contro il 67% dei Symbian e il 10% dei sistemi RIM. Per raggiungere il suo obiettivo Microsoft conta su device come il nuovo HTC Touch Diamond, il più grande produttore di telefoni che supporti il sistema di Redmond.