Lo strano caso di Mediaset e la rete

Dopo MSN ora arriva anche Libero per Mediaset. Il gruppo televisivo infatti ha deciso di distribuire gli spezzoni video delle proprie trasmissioni (dai tre canali analogici e anche da Mediaset Plus) attraverso il quarto portale video più importante dell’internet italiano.Ma la scelta che colpisce ancora di più è quella di mettere in rete le trasmissioni

Dopo MSN ora arriva anche Libero per Mediaset. Il gruppo televisivo infatti ha deciso di distribuire gli spezzoni video delle proprie trasmissioni (dai tre canali analogici e anche da Mediaset Plus) attraverso il quarto portale video più importante dell’internet italiano.

Ma la scelta che colpisce ancora di più è quella di mettere in rete le trasmissioni dal giorno dopo la messa in onda televisiva. Una cosa che nessuno nel nostro paese fa con tale scientificità e che ha attirato l’attenzione anche di Variety.
Il problema semmai è un altro, cioè che ancora non ci sono le trasmissioni per davvero, ma pezzi e pezzettini la cui utilità è ignota (c’è un pezzo di TG4, una sentenza di forum, un estratto da I Puffi, eccetera). Sembra più che altro un modo per racimolare visioni puntando sulle parole chiave, le tag e le ricerche.

Così Mediaset non si comporta da emittente ma da utente, che carica spezzoni e non fornisce un servizio. Il che andrebbe anche bene, ma l’utente che Mediaset impersonifica è quello della peggior specie, che insegue il contatto facile.

Non fraintendiamo però. Lungi da me voler fare attacchi qualunquisti contro i soliti poteri o i soliti cattivi servizi, penso in fondo che racimolare visite per dimostrare il valore del portale e dell’iniziativa possa essere un modo per creare fiducia nel mezzo e stimolare investimenti dai vertici del gruppo.

Mediaset ad ogni modo distribuisce su MSN e su Libero e in tempi record e questo non può essere trascurato. Ha una sezione video autonoma sul suo sito (basata su Silverlight e non su Flash come sarebbe più facile pensare) che, sebbene non sia completa ed efficace come quella della RAI, serve un pubblico particolare e diverso, un pubblico che al momento è poco presente in rete (non credo che gli spettatori di Forum abbiano una presenza massiccia) ma che evidentemente c’è.

Senza contare poi che TV Sorrisi e Canzoni ha un music store di tutto rispetto (per gli standard nostrani) con un catalogo non immenso ma variegato (oltre ciò che si immagina) che vende musica in formato mp3 e senza DRM.
Insomma nonostante non lo pubblicizzi e sembri non puntarci troppo Mediaset ha una presenza in rete fatta molto bene ma riempita di contenuti poco interessanti. E forse per questo non riesce a fare scuola.

Ti potrebbe interessare