X10, il videoproiettore Full HD di InFocus

Il lancio sul mercato europeo è appena stato annunciato, ma il nuovo videoproiettore di InFocus non attende altro che essere testato nelle sue caratteristiche più salienti: è l’X10, che promette di stupire con un nuovo rapporto qualità/prezzo per il Full HD.Matrice DLP DarkChip a 1080p di Texas Instruments, abbinata ad una ruota colore di 7

Il lancio sul mercato europeo è appena stato annunciato, ma il nuovo videoproiettore di InFocus non attende altro che essere testato nelle sue caratteristiche più salienti: è l’X10, che promette di stupire con un nuovo rapporto qualità/prezzo per il Full HD.

Matrice DLP DarkChip a 1080p di Texas Instruments, abbinata ad una ruota colore di 7 segmenti, con tecnologia Brilliant Color, si accompagnano ad un rapporto di contrasto dichiarato di 7500:1 e una luminosità di 1200 Ansi Lumen.

Per il processore video integrato è stato scelto un PixelWork a 10 bit, in grado di supportare anche i flussi video a 24p, in pratica il formato Blu-Ray, riprodotti con nitidezza e profondità, sia in formato natio di 16:9 sia in 4:3.

Supporta i principali formati video, dal VGA, SVGA all’XGA, SXGA, fino al 720p, 1080p, 480p, 576p. È dotato di un buon parco connessioni: un ingresso HDMI 1.3, con supporto HDCP, un ingresso Component Video, YPbPr/RGBHV, RCA, un ingresso Composite Video, RCA, un ingresso S-Video, 4-pin mini DIN. Cui si aggiungono un ingresso ausiliario HDMI 1.3, DVI, VGA, o Component, M1-DA.

Tra le funzionalità sono da segnalare la calibrazione automatica dei livelli di nero, l’utilizzo della tecnologia proprietaria InFocus Color Gamut Calibration, la modalità giorno/notte, che permette di gestire l’intensità luminosa della proiezione.

La gestione del dispositivo può avvenire tramite remoto (RS – 232).

Ti potrebbe interessare
C’era una volta lo ScreenSaver…
Microsoft

C’era una volta lo ScreenSaver…

Domandina semplice semplice: c’è qualcuno di noi che ricorda quale fosse il vero scopo dell’utilizzo dello screensaver? In realtà non più di cinque o sei anni fa la stragrande maggioranza dei PC era dotata di monitor rigorosamente da 14 o al massimo 15 pollici e sopratutto non LCD bensì a tubo catodico. Niente di più