QR code per la pagina originale

È nata la Web TV dell’Ufficio Scolastico dell’Emilia Romagna

,

Giovedì 12 Giugno 2008, dalle ore 11.00 a ciclo continuo, nel sito Web dell’USR (Ufficio Scolastico Regionale) dell’Emilia Romagna, sarà disponibile la seconda edizione della Web TV, con la quale verranno fornite agli utenti del servizio scolastico in Regione e a tutti gli interessati notizie sugli avvenimenti e le scadenze più importanti.

Una sorta di video notiziario interno dedicato agli insegnanti della regione Emilia Romagna, un progetto multimediale che riconosce l’importanza del Web e dei nuovi canali informativi.

L’idea Ufficio Scolastico emiliano, riportata dal sito Sophia.it, fa capire come non solo la scuola degli studenti, ma anche quella degli insegnanti e dei dirigenti scolastici, abbia rivolto l’attenzione al Web 2.0 e alle nuove tecnologie.

Questo progetto di Web TV, dedicata al mondo scolastico dell’Emilia-Romagna, è nato lo scorso 29 Maggio. Durante l’inaugurazione ufficiale del nuovo canale, voluto dal direttore generale Luigi Catalano, sono state subito sottolineate le potenzialità dell’iniziativa. La Web TV sarà prima di tutto un contenitore per i notiziari dell’USR per l’Emilia-Romagna. Video notiziari che saranno accessibili direttamente dal sito “istruzioneer.it” e che presenteranno, oltre alle informazioni provenienti dall’intera regione, anche contributi video “user generated” realizzati nelle singole realtà scolastiche.

Il notiziario, per ora distribuito con periodicità quindicinale, sarà principalmente incentrato sulla didattica e sullo sviluppo professionale, rappresentando quindi una speciale occasione di aggiornamento per i docenti.

I video, della durata di 15 minuti circa, saranno disponibili anche “on-demand” grazie alla presenza di un archivio che raccoglierà le edizioni già andate in onda.

Questo progetto rappresenta una delle prime esperienze sviluppate dalla pubblica amministrazione per comunicare le iniziative, gli eventi e le novità sfruttando le nuove tecnologie del Web 2.0 e con la speranza di creare una “community” regionale nella quale scambiarsi, non solo informazioni ma anche le tante esperienze di scuola e territorio.