QR code per la pagina originale

EMI ancora in tribunale, stavolta tocca ad Hi5

L'etichetta musicale torna a fare causa per violazione del diritto d'autore. Adesso gli imputati sono Hi5, VideoEgg (che forniva servizi video al social network) e altri 10 soggetti anch'essi probabilmente collegati in qualche modo ad Hi5

,

VideoEgg, Hi5 e altri dieci imputati la cui identità deve essere ancora rivelata sono stati portati in tribunale dalla EMI per la più classica delle violazioni nell’epoca di internet, quella del diritto d’autore. Ma nel caso specifico ci sono dei interessanti peculiarità.

La EMI è stata una delle prime grandi major a convertirsi alla musica distribuita legalmente in rete senza DRM, una delle più moderne e lungimiranti, ma ciò non significa anche una delle più tenere. Se con una mano dava nuove possibilità alle tecnologie della rete con l’altra puntava il dito contro chiunque si macchiasse (a suo parere) di violazione del copyright.

Nessuno ha intentato tante cause quanto la EMI portando in tribunale siti che spaziano da Infospace a AllOfMp3 e da iTunes a YouTube. In un certo senso la sua politica era di apertura ragionevole: offrendo un’alternativa a basso prezzo e senza DRM pretendeva e pretende la repressione dell’illegalità.

La cosa interessante tuttavia è che fonti vicine agli imputati, come riporta il Washington Post, sostengono che le parti in causa abbiano cercato a lungo una soluzione che non li portasse al processo, ma non sembrano esserci stati i presupposti per un accordo e pare sia stata la EMI a non voler cedere. Insomma la grande etichetta musicale vorrebbe la testa degli imputati su un piatto d’argento.

La causa con tutta probabilità ruoterà intorno ad Hi5, il social network al quale fino a poco tempo fa VideoEgg forniva i servizi video. Con tutta probabilità trattandosi della medesima casa anche gli altri imputati dovrebbero essere compagnie che hanno preso parte ai crimini contro il diritto d’autore perpetrati su Hi5.

Dall’altra parte Hi5 si difende sostenendo che hanno sempre agito in piena regolarità, conformi al Digital Millenium Copyright Act (che obbliga i siti a levare materiale coperto da copyright quando il proprietario lo segnala) e che non hanno mai ricevuto segnalazioni dalla EMI prima della denuncia.