QR code per la pagina originale

Giallo Parlante, il cugino di Doretta82

Microsoft partorisce un nuovo bot che, al pari di Doretta82, risponde alle domande degli utenti. Giallo Parlante sarà un bot basato sulle informazioni di Pagine Gialle e Pagine Bianche. I gadget per Vista e Live.it completano l'accordo Microsoft/Seat

,

Una lunga serie di errori, qualche sfortunata scommessa, probabilmente una scarsa lungimiranza, e la frittata è fatta: se in Italia le Pagine Gialle non hanno saputo macinare i soldi promessi dall’information technology, fermandosi in pratica alle rendite di posizione derivanti dal noto impero costruito su cartaceo, i motivi vanno cercati nella scarsa dinamicità con cui l’azienda Seat ha saputo reagire alle sollecitazioni del mercato. Ecco dunque l’ennesima scommessa, l’ennesimo all-in per sfidare quello stesso mercato che ha finora bocciato tutte le scelte precedenti mandando le azioni Seat nel baratro.

«Seat pagine gialle e Microsoft insieme per integrare funzioni e sviluppare nuove applicazioni su Windows live e Live search maps»: secondo il Sole 24 Ore Seat Pagine Gialle ha identificato in Microsoft il partner ideale per tentare di far fruttare la propria immensa base dati relativa alle attività sparse sul territorio. La prima scommessa è il Giallo Parlante: trattasi di un bot “cugino” di Doretta82, un account per Windows Live Messenger che possa rispondere in automatico alle domande degli interlocutori. Un esperimento sicuramente interessante, ma l’utilità e la praticità sono questioni del tutto opinabili. Per utilizzare Giallo Parlante è sufficiente aprire il messenger Microsoft ed aggiungere tra gli utenti l’apposito indirizzo email. Una procedura automatica permetterà di effettuare ricerche restituendo indirizzi e numeri di telefono «20 milioni di persone e i 3,8 milioni di attività commerciali di Pagine Bianche e Pagine Gialle». Rispetto a Doretta82, Giallo Parlante è molto meno affinato: capisce solo istruzioni preordinate e non dialoga se non ponendo domande e restituendo risultati.

A completamento della partnership annunciata tra i due gruppi si segnalano i gadget per Windows Vista e Live.it con cui Seat porta le pagine gialle sulla scrivania virtuale del pc. Non più un malloppo di fogli colorati, ma bensì un piccolo applicativo sempre disponibile a schermo tramite il quale effettuare ricerche al pari di quanto proposto da Giallo Parlante: «Compilando i campi accederai al database di PagineGialle e PagineBianche: per ogni ricerca avrai risultato dei privati o degli operatori commerciali, con i relativi indirizzi e numeri di telefono».

In borsa per Seat le cose non vanno troppo bene e il gruppo sta pagando in modo esponenziale le difficoltà che tutto il listino vive in questo momento. Recentemente è stato addirittura necessario diramare un accorato comunicato stampa nel quale si negavano alcune voci legate all’indebitamento dell’azienda ed all’EBITDA 2008, voci che comunque non sembrano aver tranquillizzato un mercato sempre più disponibile alle vendite e sempre meno aperto agli investimenti.

Il vantaggio per Microsoft è presumibilmente nello scambio di informazioni con l’importante riferimento italiano, nonché nell’imposizione del proprio Live Search Maps sulle pagine del servizio.