QR code per la pagina originale

4 luglio, l’IndYpendence Day

Rinasce il 4 luglio. Indymedia, il noto network informativo indipendente che ha chiuso i battenti a fine 2006, torna a far sentire la propria voce. Il network sente che nulla è cambiato e che ancora c'è bisogno di voci indipendenti

,

Correva l’anno 2006 e un comunicato stampa annunciava la fine delle trasmissioni per uno dei più importanti canali comunicativi che aveva saputo esprimere la rete italiana: «Indymedia-Italia a 6 anni dalla sua nascita ha bisogno di ripensare il suo modo di essere media, e per farlo ha bisogno di silenzio, di tacere, ha bisogno di ripartire senza rete e di allargare la discussione a 360 gradi […]».

«Col passare degli anni persone e strumenti sono entrati in conflitto, e il caso più emblematico è proprio il newswire, l’area a pubblicazione libera, diretta e senza filtri (concetti alla base dell’open publishing), intorno a cui si assiste a costanti polemiche su cosa viene nascosto e perché, sulla pubblicazione di foto e filmati che mostrano i visi delle persone, o dei loro dati personali. […] Tutto questo è oggetto di riflessione continua perché il senso critico impone di (ri)mettersi in discussione, sempre, ma il rumore di fondo è assordante e c’è bisogno di silenzio. In modo da poter ascoltare, osservare, valutare e concentrare le proprie energie sulle idee che altrimenti rischierebbero di restare sommerse. Il silenzio serve a questo, e di energie e idee, parliamone insieme, ripartendo da zero». 4 luglio 2008: ripartendo da zero, Indymedia riapre i battenti.

Perchè già lo si sapeva: Indymedia non chiudeva per sparire, ma per ricominciare. Serviva una tabula rasa e sono stati necessari due anni di riflessione e riprogrammazione. Da più di un anno, come spiega ora il gruppo, i “nodi” italiani hanno ripreso a lavorare sul territorio ed il network è ora pronto a ripartire: «Le limitazioni e i meccanismi dell’informazione mainstream non sono cambiati nel corso di questi anni e lo squilibrio di potere dei processi di comunicazione si è mantenuto intatto, quando non rafforzato. Oggi il compito della comunicazione indipendente non è solo più quello di offrire uno spazio dove consentire la libera pubblicazione di contributi ed una narrazione “altra” della realtà. Proprio per la rapida evoluzione del web in questi ultimi anni e la sempre più diffusa accessibilità dello strumento, oggi diventa fondamentale salvaguardare la peculiarità del metodo di Indymedia e rendere più fruibile e sinergica l’enorme quantità di informazioni che nella rete si distribuiscono, in modo da renderle facilmente reperibili ed efficacemente utilizzabili. È per questo che i nodi italiani di Indymedia nati in questi anni hanno deciso di aprirsi ad un progetto nazionale attraverso la costruzione di un aggregatore. Un luogo nel quale convogliare e moltiplicare le energie e i flussi di comunicazione provenienti da luoghi diversi, che si compone delle diverse visioni e pratiche di mediattivismo determinate dai bisogni contingenti e dalle necessità che ogni territorio esprime».

L’annuncio è epico e la data è simbolica: il 4 luglio ha varie sfaccettature, ma per Indymedia il significato è preciso: «il ritorno di un progetto collettivo e indipendente di informazione».