QR code per la pagina originale

Disponibile Opera Mobile 9.5 beta

E online la versione beta di Opera Mobile 9.5, la nuova versione del browser prodotto dall'omonima società e indirizzata agli apparecchi dotati di Windows Mobile e funzionalità touchscreen. Rinnovata l'interfaccia utente e integrato il tool Dragonfly

,

Dopo una versione preliminare indirizzata unicamente agli operatori di telefonia mobile, Opera rende disponibile al grande pubblico la prima beta di Opera Mobile 9.5, indirizzata esclusivamente ai possessori di smartphone e Pocket Pc dotati di Windows Mobile 2003/5/6 e con funzionalità touchscreen. Numerose le migliorie rispetto alla precedente versione 8.65 in termini di interfaccia utente e funzionalità, anche se la versione beta presenta alcuni fastidiosi bug e limitazioni.

Innanzitutto Opera Mobile 9.5 punta alla velocità, offrendo un caricamento della pagine Web 2,5 volte più veloce rispetto al concorrente Internet Explorer Mobile. La visualizzazione delle pagine segue la tendenza lanciata da Safari sull’iPhone, con una presentazione iniziale delle pagine a pieno schermo e offrendo la possibilità di effettuare zoomate e spostamenti al loro interno con pochi semplici click. L’interfaccia utente risulta completamente ridisegnata per essere più intuitiva e pulita, offrendo una navigazione basata sulle icone. Opera include ora lo strumento Opera Dragonfly, indirizzato agli sviluppatori e utile per il debugging del codice JavaScript, l’analisi dei fogli di stile (CSS) e la visualizzazione degli errori. Oltre alla promessa di essere rigorosamente rispettoso degli ultimi standard imposti sul Web, la nuova versione di Opera Mobile è in grado di gestire le tecnologie Flash Lite 3 e AJAX.

Sfortunatamente la versione beta proposta presenta ancora numerosi bug e alcune lacune, tra cui il mancato supporto ai contenuti ActiveX, numerosi problemi se installato all’interno di una scheda di memoria, alcune disfunzioni nella visualizzazione del testo e il limitato supporto della sola lingua inglese. A quanto sembra, l’attuale beta non si rivela inoltre in grado di passare correttamente il famoso ACID2 test.