Utili netti in calo per le banche

Secondo il rapporto Afo Financial Outlook, elaborato in base alle stime del centro studi Abi e delle maggiori banche italiane, l’attuale anno si è rivelato non soddisfacente per le banche che vedono i propri utili in flessione.Stando al report, gli utili netti di bilancio del sistema creditizio subiranno una flessione del 15% in confronto al

Secondo il rapporto Afo Financial Outlook, elaborato in base alle stime del centro studi Abi e delle maggiori banche italiane, l’attuale anno si è rivelato non soddisfacente per le banche che vedono i propri utili in flessione.

Stando al report, gli utili netti di bilancio del sistema creditizio subiranno una flessione del 15% in confronto al risultato positivo dell’anno passato con un +5,2%.

Il rapporto afferma:

il dato è condizionato dal venir meno dei proventi straordinari che l’anno scorso si erano avuti nell’ambito delle rilevanti operazioni di consolidamento del sistema.

Tuttavia per il periodo 2009-2010 gli analisti prospettano una ripresa compresa tra il 5% e il 9% all’anno.

Il direttore generale dell’Abi, “Giuseppe Zadra”, commentando i dati, ha affermato:

Le banche italiane si confermano relativamente poco influenzate dagli scombussolamenti internazionali in atto e grazie alla loro solidità potranno registrare nel futuro prossimo, dopo la fase calante del 2008, risultati reddituali in ripresa.

Sarà davvero così?

Ti potrebbe interessare
Microbusiness, hotspot WiFi gratuiti raggiungibili dal cellulare
Google

Microbusiness, hotspot WiFi gratuiti raggiungibili dal cellulare

Microbusiness, che già da tempo ha attivato un sito utile dal quale è possibile reperire i punti d’accesso WiFi gratuiti dispersi lungo lo stivale, ha realizzato, in versione beta, una versione per cellulari del medesimo sito.L’indirizzo è www.wifigratuito.mobi, e presenta lo stesso numero di hotspot WiFi raggiungibili dal sito madre www.wifihotspot.it; il progetto, avviato e

W3C: battaglia sui brevetti
Web e Social

W3C: battaglia sui brevetti

La compagnia canadese UFIL (Unified Data Technologies) sta reclamando su una possibile violazione di un brevetto di cui è titolare ad opera di una popolare tecnologia web. W3C, per bocca del suo leader Daniel Weitzner, ricorda l’importanza del principio royalty-free.