Apple rifonde vecchi azionisti truffati

Un giudice federale di San Jose ha dato il proprio parere positivo preliminare ad un accordo extragiudiziario da 14 milioni di dollari di azionisti che avevano contestato una retrodatazione di stock option contro dirigenti attuali e passati di Apple.Secondo i documenti legali, i vertici aziendali di ieri e di oggi, tra cui l’amministratore delegato Steve

Un giudice federale di San Jose ha dato il proprio parere positivo preliminare ad un accordo extragiudiziario da 14 milioni di dollari di azionisti che avevano contestato una retrodatazione di stock option contro dirigenti attuali e passati di Apple.

Secondo i documenti legali, i vertici aziendali di ieri e di oggi, tra cui l’amministratore delegato Steve Jobs, hanno accettato l’accordo.

Come parte dell’intesa, l’assicurazione di Apple ha accettato di versare i 14 milioni a nome della società.

L’accordo prevede anche che l’assicurazione della società rimborsi circa 9 milioni di dollari in parcelle e spese agli avvocati che hanno sostenuto l’azione legale.

Il giudice distrettuale Jeremy Fogel ha dato l’approvazione preliminare alla proposta fissando un’udienza per il 31 Ottobre per concluderla.

Presentata nel 2006, l’azione legale degli azionisti aveva accusato dirigenti e direttori di
Apple di esser venuto meno il rapporto di fiducia, sprechi aziendali, arricchimento ingiustificato e violazioni di leggi federali e statali riguardo alla sospetta retrodatazione di stock option.

Le cause avevano fatto seguito alla scoperta da parte di Apple nel 2006 di irregolarità riguardanti i compensi per le stock tra 1997 e 2001.

Ti potrebbe interessare
Microsoft Greenfield, tecnologia sperimentale per navigare senza GPS
Google

Microsoft Greenfield, tecnologia sperimentale per navigare senza GPS

Microsoft sta avanzando con i lavori sulla nuova e interessante Greenfield, una tecnologia sperimentale che consentirà di memorizzare vari percorsi sul proprio smartphone e di visionarli anche senza alcun modulo GPS installato nel proprio dispositivo.Greenfield permetterà dunque di usufruire di tutti i vantaggi della tecnologia anche nelle condizioni in cui non è possibile sfruttare il

Ora o mai più. Cioè mai più
Web e Social

Ora o mai più. Cioè mai più

Le parole di Calabrò non sono confortanti. Mentre il Governo si trova costretto a snocciolare dati sconfortanti relativamente all’andamento degli incentivi per la banda larga (tutto come previsto, insomma), Calabrò detta tremendi ultimatum. Le parole sono raccolte da Repubblica: «O decolliamo quest’anno, o il divario con gli altri paesi sarà incolmabile».Nel frattempo dall’assemblea Telecom Italia,