QR code per la pagina originale

I Dears scrivono ai propri fan: scaricate pure ma dopo comprate

,

Ci giunge da Punto Informatico la notizia che The Dears, band musicale canadese, è stata protagonista di una vicissitudine che ha come protagonista il filesharing.

Il loro ultimo album, Missilles, è stato distribuito su Internet(non si sa attraverso quale circuito), alla faccia di tutto il tempo e l’impegno profuso per realizzarlo: circa 16 ore al giorno per vari mesi.

I Dears hanno agito scrivendo una sorta di lettera diretta a tutti i loro fan, nella quale affermano che per loro è impossibile non sentirsi turbati, ma comunque sanno che al giorno d’oggi ciò non fa scandalo e avevano pensato a questa eventualità.

D’altro canto chiedono ai loro fan di sostenerli, per il loro bene e per il bene della musica, chiedono quindi di scaricare(se si vuole) il loro album, ma di acquistarlo in seguito, dando il giusto compenso alla band per il lavoro effettuato e affermando che la qualità audio dei file che si troveranno su Internet, non potrà essere paragonata a quella che hanno i file del CD.

Da parte nostra non ci resta altro da fare se non sperare che questa faccenda possa chiudersi per il meglio, sia perché si sono mostrati consapevoli di come stia cambiando il mondo della musica, sia perché hanno impiegato energie e tempo per realizzare il loro album. Non sembra giusto anche a voi che ricevano ciò che gli spetta?