Allo SMAU 2008 presentati i nuovi scanner Kodak

A SMAU 2008, Kodak ha presentato dei nuovi scanner dotati della medesima qualità dei modelli destinati all’alta gamma, reso possibile mediante l’applicazione a macchine da 500? della stessa tecnologia di quelle dai prezzi ben più elevati.Sul fronte delle PMI sono soprattutto due le novità: il nuovo ScanMate i1120, veloce e versatile è in grado di

A SMAU 2008, Kodak ha presentato dei nuovi scanner dotati della medesima qualità dei modelli destinati all’alta gamma, reso possibile mediante l’applicazione a macchine da 500? della stessa tecnologia di quelle dai prezzi ben più elevati.

Sul fronte delle PMI sono soprattutto due le novità: il nuovo ScanMate i1120, veloce e versatile è in grado di effettuare una scansione in soli 5 secondi e, grazie alla funzione “Smart Touch”, consente, tramite un pulsante, di compiere le operazioni più comuni quali invio email, visualizzazione anteprime, modifica delle foto.

Supporta vari formati, PDF, Tiff, JPEG, RTF e permette la digitalizzazione dai biglietti da visita, ai documenti dalla lunghezza massima di 86cm. Infine, dotato della nuova tecnologia “Perfect Page”, permette l’ottimizzazione della qualità delle immagini, anche quando in originale non siano perfette.

La seconda novità è invece la Scan Station 100 Plus, destinata ad un’utenza più esigente e ad imprese con un maggior numero di terminali a disposizione. Consente infatti, oltre alle operazioni più comuni, come quelle presenti sul modello precedente, il collegamento in rete e le funzioni di invio/ricezione Fax.

Per quanto concerne l’alta gamma, Kodak ha presentato infine l’i780, campione di velocità che è in grado di produrre 130 pagine al minuto a 300 dpi, tanto a colori, quanto a scala di grigio o a bianco e nero. Dispone di numerose funzioni tra le quali l’orientamento e il ritaglio automatico dei documenti: l’i780 riconoscerà il formato, riallineando e ritagliando le scansioni in modo automatico.

Ti potrebbe interessare
Save the Children analizza il rapporto tra minori e cellulari
Google

Save the Children analizza il rapporto tra minori e cellulari

È sempre più alta la percentuale di ragazzi in età preadolescenziale, dagli 11 ai 14 anni, che possiede e utilizza un telefono cellulare per fini differenti dall’effettuare chiamate.Questo è quanto emerge da una ricerca effettuata dall’associazione Save the Children in collaborazione con il Cremit (Centro di Ricerca per l’Educazione ai Media, all’Informazione e alla Tecnologia),