QR code per la pagina originale

Google: niente multitouch per amore di Apple

Stando ad alcune indiscrezioni circolate online, Apple avrebbe espressamente richiesto a Google di non implementare un supporto multitouch in Android. Per evitare di incrinare i rapporti con Cupertino, il motore di ricerca avrebbe accettato senza remore

,

Un secondo indizio, che sembra confermare l’esistenza di un accordo tra Google e Apple, deriva da una recente dimostrazione che ha chiaramente messo in evidenza come il display del G1 sia in grado di supportare input multipli forniti dagli utenti. La funzione multitouch sarebbe dunque virtualmente presente sul dispositivo, ma non attivata dal team di sviluppatori di Android come richiesto da Apple.

Google e Cupertino collaborano ormai da lunga data e hanno profuso un impegno comune per l’implementazione di alcune applicazioni sull’iPhone. La piattaforma del famoso dispositivo usufruisce infatti delle funzionalità di Google Search, del servizio Maps e di un supporto senza l’utilizzo di plugin Flash per la visualizzazione dei filmati di YouTube. Inoltre, il CEO di Google Eric Schmidt fa anche parte del consiglio di amministrazione di Apple e le due società insieme si trovano spesso a dover fronteggiare la concorrenza del colosso Microsoft. Tutti elementi che sembrano rendere plausibili le dichiarazioni dell’anonima fonte interna al team di sviluppo di Android.

Ammesso esistano, non è comunque dato sapere quali siano i precisi termini dell’accordo sul multitouch tra Apple e Google. Secondo numerosi osservatori, si potrebbe trattare di un patto temporaneo e difficilmente sostenibile sul lungo periodo. I costruttori di smartphone equipaggiati con Android difficilmente accetteranno di sottostare a un vincolo che di fatto li obbliga a rinunciare al multitouch, una funzione sempre più richiesta dagli utenti. L’arrivo del nuovo Palm Pre e dei nuovi cellulari con Android potrebbe presto cambiare gli attuali equilibri e il ventilato accordo tra Cupertino e Mountain View.

  1. 1
  2. 2