Skype collaborerà con la polizia nelle intercettazioni

Il quotidiano Repubblica, in un articolo di qualche giorno fa, annunciava la collaborazione che avverrà tra Skype e le forze di polizia, con l’obiettivo di poter intercettare le telefonate degli utenti di Skype sotto inchiesta.La famosa compagnia ha così ceduto e appoggerà questa iniziativa in seguito ai ripetuti appelli di Eurojust, l’organismo europeo che coordina

Parliamo di

Il quotidiano Repubblica, in un articolo di qualche giorno fa, annunciava la collaborazione che avverrà tra Skype e le forze di polizia, con l’obiettivo di poter intercettare le telefonate degli utenti di Skype sotto inchiesta.

La famosa compagnia ha così ceduto e appoggerà questa iniziativa in seguito ai ripetuti appelli di Eurojust, l’organismo europeo che coordina le indagini in materia di criminalità informatica, e della Direzione Nazionale Antimafia Italiana.

L’allarme, prosegue Repubblica, è partito dallo stesso quotidiano, in quanto aveva scoperto come i criminali si servissero di Skype per discutere dei loro malaffari rendendo vane le indagini.

Il fatto che nessuno conosca i file sorgenti di Skype ha logicamente indotto i criminali a comunicare tra loro mediante Skype.

Ciò che si aspetta Eurojust, secondo Repubblica, è la concessione degli algoritmi e dei codici che permettano ai tecnici delle procure di superare i sistemi di sicurezza di Skype e decifrare i segnali digitali in modo da poter ascoltare le chiamate.

Non è la prima iniziativa di un organismo pubblico che vuole ampliare il campo delle intercettazioni anche alle chiamate VoIP, la Svezia mesi fa aveva approvato una legge a riguardo, ampliandola con le intercettazioni di email e fax otre alle chiamate vocali.

Ti potrebbe interessare