Google tende la mano ai giornali?

Al convegno annuale degli editori, negli Stati Uniti, l’intervento del CEO del motore di ricerca Google, “Eric Schmidt”, ha suscitato non poche polemiche per i suoi interventi.Da un lato Schmidt chiede agli editori di essere più attenti alle esigenze dei propri lettori, mentre dall’altro il malcontento degli editori è proprio verso il gigante Google reo

Al convegno annuale degli editori, negli Stati Uniti, l’intervento del CEO del motore di ricerca Google, “Eric Schmidt”, ha suscitato non poche polemiche per i suoi interventi.

Da un lato Schmidt chiede agli editori di essere più attenti alle esigenze dei propri lettori, mentre dall’altro il malcontento degli editori è proprio verso il gigante Google reo di accaparrarsi più del 50% del mercato pubblicitario totale.

Il CEO di Google fa un’analisi della crisi della carta stampata e propone alcuni interventi per risanare la situazione. In effetti nulla di già sentito. La proposta di Eric Schmidt vede coinvolti di più i lettori soprattutto mettendo in piedi forme di abbonamento per un accesso a materiale di approfondimento in aggiunta ai normali servizi gratuiti.

In pratica si tratta di un nuovo modello di business che non si basa più esclusivamente su pubblicità. L’affermazione è strana visto che Google finora ha fatto della pubblicità la base dei propri guadagni.

Un mea culpa in vista di un ruolo di collaborazione più incisivo con i giornali?

Ti potrebbe interessare
Nabaztag, tutta la verità
Web e Social

Nabaztag, tutta la verità

Il mio coniglio è finito sotto processo, non ci posso credere, accusato di non soddisfare le aspettative dei propri padroni. Pensandoci bene, come è stata veramente la mia vita con un coniglio? Ricca, divertente, utile sorprendente, funzionale, aperta… Slogan a parte, voglio provare a commentare le accuse basandomi sulla mia reale esperienza.Allora, leggo dall’articolo di

Wind: in arrivo “Pieno SMS”
Google

Wind: in arrivo “Pieno SMS”

Come anticipato in un precedente post la Wind si appresta a lanciare una nuova opzione. Si tratta di Pieno SMS e sarà disponibile a partire dal prossimo 16 aprile. L’opzione, sulla stessa linea seguita ormai da tempo dal gestore H3G, prevede un meccanismo di autoricarica per clienti consumer con carta Ricaricabile e Abbonamento. Con Pieno

Apple e le memorie NAND
Apple

Apple e le memorie NAND

Sembra che le memorie Flash NAND saranno presto utilizzate nei prodotti di Apple.Le memorie Flash possono essere di due tipi: NOR o NAND. Le memorie NAND sono la varietà di memorie Flash più performante. Permettono di decuplicare il numero dei cicli di scrittura in uno spazio praticamente dimezzato rispetto alle NOR. Grazie alle prestazioni maggiori