Il futuro dei chipset nVidia dipende da AMD?

In alcuni precedenti articoli abbiamo già parlato dello scontro legale in atto tra nVidia e Intel, con oggetto le licenze per la realizzazione di chipset compatibili con i processori Core i7/i5.Dopo il “divieto” di Intel, nVidia si appresta a subire anche quello di AMD, relativo ai chipset per i processori Opteron, che verranno prodotti a

In alcuni precedenti articoli abbiamo già parlato dello scontro legale in atto tra nVidia e Intel, con oggetto le licenze per la realizzazione di chipset compatibili con i processori Core i7/i5.

Dopo il “divieto” di Intel, nVidia si appresta a subire anche quello di AMD, relativo ai chipset per i processori Opteron, che verranno prodotti a partire dal 2010.

Anche AMD, come Intel, utilizzerà dunque una soluzione all-in-one “fatta in casa” per le CPU dedicate al settore server e workstation, grazie all’acquisizione di ATI, che ha portato in dote un team di sviluppo per i chipset.

nVidia conserverà il supporto per i chipset attualmente in commercio, dedicati ai quad core Shanghai e ai prossimi Istanbul a sei core, ma le licenze possedute non le permetteranno di realizzare chipset server per le future CPU appartenenti alle serie 4000 e 6000.

Non è chiaro se questa mossa di AMD (analoga a quella di Intel) abbia come obiettivo quello di ottenere una modifica degli accordi di licenza e quindi un maggiore vantaggio economico. L’unica cosa certa per nVidia è la necessità di realizzare al più presto una propria CPU per non perdere una significativa quota di mercato nel settore dei chipset.

Ti potrebbe interessare
Prezzi ribassati per i monitor Apple, perchè?
Apple

Prezzi ribassati per i monitor Apple, perchè?

Buone notizie per chi è intenzionato a comprare un monitor Apple. Da ieri i prezzi di tutti i modelli sono stati nettamente abbassati. Il modello da 20″ ora costa “solamente” 599 euro; il modello da 23″ è venduto a 899 euro; il modello da 30″ costa 1799 euro. Considerando la qualità dei monitor, le dimensioni