I mitici spot TV di Ambrogio e dei Ferrero Rocher

Nei primi anni 90 (precisamente nel 1992), la Ferrero lanciò una fortunatissima serie spot TV per i suoi cioccolatini Ferrero Rocher, che fece scoprire agli italiani la figura del maggiordomo-autista più famoso della pubblicità italiana: il mitico Ambrogio.I cioccolatini Ferrero Rochet erano sul mercato fin dal 1982 ed erano stati commercializzati in buona parte del

Nei primi anni 90 (precisamente nel 1992), la Ferrero lanciò una fortunatissima serie spot TV per i suoi cioccolatini Ferrero Rocher, che fece scoprire agli italiani la figura del maggiordomo-autista più famoso della pubblicità italiana: il mitico Ambrogio.

I cioccolatini Ferrero Rochet erano sul mercato fin dal 1982 ed erano stati commercializzati in buona parte del mondo, ma la loro fama coinvolse il grande pubblico solo dopo questa popolarissima e riuscita campagna pubblicitaria.

Il primo spot del 1992 (che è rimasto anche il più famoso) partiva da una signora dell’alta società che, con tanto di completo giallo canarino, in una lussuosa limousine avvertiva “un certo languorino” ma “non proprio fame, voglia di qualcosa di buono”, ed esprimeva tale desiderio al suo autista Ambrogio, manifestando con voce suadente anche l’intenzione di “tenere i Ferrero Rocher anche in macchina”.

A quel punto il baffuto Ambrogio, con l’aria di chi la sa lunga e sa come accontentare la signora, affermava “che si era già permesso di pensarci” e premendo un pulsante faceva apparire i Ferrero Rocher addirittura dentro un sedile a scomparsa, in un ricco alloggiamento in cui trovavano posto anche un bicchiere e persino una bottiglia in cristallo… la signora veniva così accontentata e con voce sempre suadente e vellutata gratificava Ambrogio, dicendogli “che pensa sempre a tutto..”

In un altro spot, la signora in giallo (chissà perchè vestiva sempre così) era ad un’asta e, guarda caso, ad un certo punto provava sempre quel languorino. Ovviamente anche in questa occasione, l’onnipresente Ambrogio provvedeva a placare quella voglia con una scatola a sorpresa che racchiudeva una marea di Ferrero Rocher.

L’ultimo spot della serie “Ambrogio” venne lanciato nel 1999 e prevedeva la signora intenta a farsi dipingere un ritratto. Proprio mentre era in posa però, le veniva la solita voglia, e come sempre, il fido Ambrogio provvedeva a soddisfare anche in questo caso le sue voglie di dolcezza.

Molto famoso divenne anche lo slogan finale degli spot: “Ferrero Rocher soddisfa la voglia di buono”.

Con questi spot TV la Ferrero riuscì veramente a colpire il pubblico, grazie ai due personaggi principali: la signora e il fido Ambrogio, che è rimasto nell’immaginario collettivo come l’icona definitiva del maggiordomo servizievole e sempre pronto.

Ti potrebbe interessare
Alla scoperta del VoIP (prima parte)
Prezzi e tariffe

Alla scoperta del VoIP (prima parte)

Oggi mi sono sentito chiedere su quale principio funziona il VoIP e perché esistono diversi tipi di Codec. Iniziamo col dire che la voce è un segnale analogico (ossia, guardandolo da “vicino” assume n-mila diversi stati) mentre la rete di trasmissione è di tipo digitale (ossia contempla solo due stati: 0 e 1).Pertanto dobbiamo trasformare