nVidia Ion tre volte più caro della soluzione Intel

Consumi, prestazioni e architettura hardware erano le uniche argomentazioni intorno alle quali, fino ad oggi, verteva la discussione su quale tra la soluzione Ion e la concorrente a marchio Intel, fosse la più conveniente da impiegare nel settore netbook e nettop.A fornire un ulteriore tema di discussione ci ha pensato Jen-Hsun Huang, CEO di nVidia,

Consumi, prestazioni e architettura hardware erano le uniche argomentazioni intorno alle quali, fino ad oggi, verteva la discussione su quale tra la soluzione Ion e la concorrente a marchio Intel, fosse la più conveniente da impiegare nel settore netbook e nettop.

A fornire un ulteriore tema di discussione ci ha pensato Jen-Hsun Huang, CEO di nVidia, con un’intervista rilasciata sulle pagine francesi de La Tribune, nella quale è stato rivelato il costo che i produttori dovranno affrontare per equipaggiare, sui dispositivi in produzione, l’intera soluzione.

Tra i 30 e i 35 dollari, questo è il prezzo a cui nVidia intende mettere sul mercato Ion, da sommare ai 45 dollari richiesti da Intel per la CPU, per un totale di circa 75 dollari, il triplo della somma a cui l’azienda di Santa Clara commercializzerà la propria soluzione integrata.

Nonostante, come già detto, la sola CPU di Intel venga venduta a 45 dollari, coloro che intendono acquistarla in abbinato al chipset grafico, possono usufruire di un fortissimo sconto, in grado di abbassare il prezzo totale fino a 25 dollari.

Tale situazione non può che aprire la strada alle critiche di quanti accusano Intel di monopolio, sebbene in termini di prestazioni la soluzione offerta da nVidia non teme paragoni, con la possibilità di effettuare decodifica di video in alta definizione e la presenza di uscite DVI-I, D-Sub, DisplayPort e HDMI.

Ti potrebbe interessare
Tulalip, il social search di Microsoft
Microsoft

Tulalip, il social search di Microsoft

Microsoft potrebbe presto annunciare una servizio di ricerca sociale denominato Tulalip. Il condizionale è in questo caso necessario perché l’azienda ha prontamente smentito la notizia diffusa in Rete dopo la scoperta del sito socl.com. La pagina di accesso infatti mostrava un chiaro riferimento a Tulalip, ma dopo poche ore lo splash screen è stato rimosso.

Anche negli Stati Uniti arriva l’Hadopi?
Prezzi e tariffe

Anche negli Stati Uniti arriva l’Hadopi?

Un panel organizzato nel contesto di State of the Net 2010 avrebbe affrontato l’argomento Hadopi: per la prima volta la politica dei “tre strike” viene discussa negli Stati Uniti ed a quanto pare RIAA, IFPI ed MPAA starebbero lavorando per farla approvare

Prove tecniche di Wikipedia certificata
Web e Social

Prove tecniche di Wikipedia certificata

Per rispondere alle pressioni della Britannica e per risolvere le scorribande incontrollate che minano l’affidabilità di Wikipedia, Jimmy Wales ha pensato ad un sistema di certificazione per la propria community. Ma non sarà opera semplice