nVidia GeForce G210 e GT 220 a 40 nm in arrivo a settembre

Saranno disponibili a partire dal prossimo settembre due nuove schede video a marchio nVidia, realizzate con un nuovo processo produttivo a 40 nanometri.Si tratta della G210 e della GT 220, destinate a rimpiazzare rispettivamente le serie GeForce 9400 e 9500 nell’ambito del mercato OEM.Il loro lancio, che avrebbe dovuto avvenire in questo periodo, ha subito

Saranno disponibili a partire dal prossimo settembre due nuove schede video a marchio nVidia, realizzate con un nuovo processo produttivo a 40 nanometri.

Si tratta della G210 e della GT 220, destinate a rimpiazzare rispettivamente le serie GeForce 9400 e 9500 nell’ambito del mercato OEM.

Il loro lancio, che avrebbe dovuto avvenire in questo periodo, ha subito qualche mese di ritardo in quanto TSMC, che si occupa della manifattura di alcuni componenti a 40 nm, ha subito dei rallentamenti nei ritmi produttivi.

Non essendo state per nulla pubblicizzate, fino ad oggi, è difficile capire quali siano le reali specifiche delle due schede.

Sono comunque numerosi i siti Web che nelle ultime ore hanno azzardato ad ipotizzarle.

L’opinione più comune è che la G 210 equipaggerà 24 shader processor con una frequenza di lavoro pari a 600 MHz, 512 MB di memoria DDR2/DDR3 a 800 MHz e memory bus da 64 bit.

Il suo prezzo, piuttosto economico, dovrebbe aggirarsi intorno ai 30/35 dollari.

La GT 220 sarà invece disponibile in tre varianti: P681 (DDR3), P682 (DDR2) e P680 (GDDR3), tutte disponibili ad un prezzo compreso tra i 55 e i 60 dollari.

48 shader processors a 625 MHz, 1 GB di memoria DDR3 a 800 Mhz e interfaccia di memoria a 128-bit sono le caratteristiche che li accomunano.

Entrambi i modelli, rispetto ai predecessori che andranno a rimpiazzare, garantiranno dimensioni leggermente più contenute e consumi ridotti, oltre al pieno supporto per le librerie DirectX 10.1.

Di seguito alcune immagini (non pubblicate ufficialmente da nVidia) comparse in rete relative alle due nuove schede.

Ti potrebbe interessare
Monitorare il disco fisso con HDDlife Pro
Web e Social

Monitorare il disco fisso con HDDlife Pro

Il disco fisso può essere considerato tra i componenti più importanti di un computer, essenziale per l’attività del sistema operativo, la gestione delle applicazioni e la memorizzazione di dati e informazioni.Per evitare di andare incontro a spiacevoli conseguenze dovute a un suo improvviso guasto o malfunzionamento, risulta importante ricorrere ad adeguate politiche di backup, utili

iPhone 3G S Supreme, il cellulare più costoso di sempre
Google

iPhone 3G S Supreme, il cellulare più costoso di sempre

Ne parleranno senza dubbio anche i colleghi di Diredonna dell’iPhone 3G S Supreme, ovvero una versione extralusso del noto terminale di casa Apple, il cui prezzo si aggirerebbe intorno agli 1,92 milioni di sterline (più di 2 milioni di euro al cambio attuale) e che lo renderebbe il cellulare più costoso al mondo.Vi starete senz’altro

SilverStone Raven RV01: il case con la scheda madre ruotata
htpc mouse

SilverStone Raven RV01: il case con la scheda madre ruotata

Per chi ha bisogno di molto spazio e robustezza per il proprio sistema, SilverStone mette a disposizione il Raven RV01, un case big-tower presentato in anteprima durante il “Computex 2008 di Taipei.” Misura 280mm x 616mm x 660mm per un peso di 15 Kg. Oltre all’adozione all’esterno di plastiche di colore nero per aumentarne l’impatto

I Social Network hanno stancato gli utenti?
Web e Social

I Social Network hanno stancato gli utenti?

Un interessante articolo apparso qualche giorno fa su Vision Post, porta a riflettere sul ruolo attuale dei social network all’interno della nostra vita quotidiana. L’articolo riporta i dati di un’indagine di Business Week che mette in evidenza come la tendenza attuale nei confronti dei social network sia sensibilmente in calo. Se da un lato i

WiMax standard in pericolo?
Google

WiMax standard in pericolo?

Mentre il cugino WiFi spopola nel mercato consumer il WiMax stenta ad una diffusione di massa e sembra temporaneamente bloccato.Il progetto WiMax, caldamente sponsorizzato da Intel, sembra non interessare i grandi produttori che sono ancora scettici sulla possibilità di diffusione di questa tecnologia, e i problemi sono differenti.Sembra infatti che il problema principale di questo