IFA 2009: LG presenterà un TV OLED da 15″

LG annuncia la sua battaglia contro Sony con il lancio di uno schermo TV AM-OLED che verrà presentato all’IFA 2009. Il modello che la casa coreana ha intenzione di lanciare è largo 15 pollici e dovrebbe superare il record, finora detenuto da Sony con il modello XEL-1, per schermi che usano la tecnologia OLED.La nuova

LG annuncia la sua battaglia contro Sony con il lancio di uno schermo TV AM-OLED che verrà presentato all’IFA 2009. Il modello che la casa coreana ha intenzione di lanciare è largo 15 pollici e dovrebbe superare il record, finora detenuto da Sony con il modello XEL-1, per schermi che usano la tecnologia OLED.

La nuova televisione di LG farà il suo debutto alla manifestazione di Berlino tra il 4 e il 9 settembre e, per quella data, avremo tutti i dettagli. Alcune foto dello schermo sono disponibili su Flickr, dove si può vedere il design stile retrò.

Tutte le porte di collegamento A/V sono sulla base del supporto mentre lo schermo può inclinarsi fino ad appoggiarsi completamente sulla base.

Per quel che riguarda i prezzi, niente è ancora ufficiale ma c’è la possibilità che LG, quando a dicembre lancerà sul mercato tale schermo, posizionerà il prezzo ben al di sotto del costo dello XEL-1, che è di circa 4000 euro.

Ti potrebbe interessare
Windows 7 Milestone 3: ecco le novità
Microsoft

Windows 7 Milestone 3: ecco le novità

Nelle ultime ore Microsoft ha rilasciato una build interna del suo prossimo sistema operativo: Windows 7 Milestone 3. Si tratta della build 6780, al momento disponibile solo internamente all’azienda di Redmond e a un ristretto numero di giornalisti.Tra questi Mary Jo Foley, che ha offerto dettagli interessanti sulle novità introdotte in Windows 7. Stando a

Anche McAfee travolta dalle stock option
Business

Anche McAfee travolta dalle stock option

Il vizietto delle stock option sembra essere diffuso. Non che la pratica sia illegale, ma illegale è l’uso fraudolento dello strumento e l’errata contabilità del tutto a livello di bilancio. A cadere nella trappola in cui ha già incespicato Apple è ora McAfee, sugli scudi negli ultimi tempi per le pesanti accuse lanciate contro Windows