QR code per la pagina originale

Prime foto per Pink, lo smartphone di Microsoft

Sono da poco comparse in Rete le prime immagini di Pink, il nuovo smartphone allo studio di Microsoft e della sua controllata Danger. Il dispositivo ricorda molto da vicino la serie Sidekick e sarà pronto per il prossimo anno con Windows Mobile 7

,

Stando alle ultime indiscrezioni, buona parte dello sviluppo del nuovo smartphone sarebbe stata affidata a Danger, società controllata sulla quale Microsoft punta molto per la realizzazione di nuove soluzioni tecnologiche per la gestione dei servizi online via mobile. Redmond sarebbe intenzionata a realizzare un cellulare in grado di sfruttare al meglio i servizi cloud, offrendo così agli utenti specifiche applicazioni accessibili direttamente online con funzionalità push.

Pink potrebbe consentire a Microsoft di coniugare in un unico dispositivo due specifiche necessità: sostenere il più possibile l’ecosistema del software legato a Windows Mobile, realizzare nuove alleanze commerciali per dar vita a una linea di prodotti in grado di concorrere ad armi pari con i principali protagonisti del mercato. Il nuovo dispositivo potrebbe dunque debuttare sul mercato in concomitanza con il lancio del nuovo atteso Windows Mobile 7, previsto per la seconda metà del prossimo anno.

Le notizie sul futuro di Microsoft nel comparto mobile sono ancora incerte e riflettono l’estrema cautela con la quale la società ha deciso di muoversi per evitare passi azzardati. Tuttavia, dietro le quinte il lavoro prosegue alacremente con l’integrazione di nuovi manager nella divisione mobile di Redmond e lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche. Al momento, l’unica certezza è costituita dall’imminente debutto sul mercato del nuovo Windows Mobile 6.5 atteso da tempo dagli utenti del sistema operativo per gli smartphone. Il rilascio della nuova versione, che integrerà alcune funzionalità per l’acquisto di nuove applicazioni, sarà un primo importante banco di prova in attesa di un futuro in rosa con Pink.

Video:Samsung Galaxy, l’evoluzione dell’interfaccia