Hanwha X-Tube, un dongle USB per l’audio DTS

Arriva dal Giappone una novità interessante per tutti gli audiofili. Grazie a X-Tube, particolare dongle USB prodotto da Hanwha, sarà possibile godere dell’immersivo audio DTS (Digital Theater System) tramite delle apposite cuffie fornite in dotazione con il dispositivo. Corredato dal software DTS Headphone Deck, la cui compatibilità è al momento assicurata solo con Windows XP,

Arriva dal Giappone una novità interessante per tutti gli audiofili. Grazie a X-Tube, particolare dongle USB prodotto da Hanwha, sarà possibile godere dell’immersivo audio DTS (Digital Theater System) tramite delle apposite cuffie fornite in dotazione con il dispositivo.

Corredato dal software DTS Headphone Deck, la cui compatibilità è al momento assicurata solo con Windows XP, Vista e 7, X-Tube altro non è che una valvola termoionica (chiamata anche tubo a vuoto), proprio come quelle impiegate da decenni nei sistemi per l’amplificazione degli impianti audio.

Una volta entrato in funzione, il dispositivo assume una caratteristica illuminazione bluastra e consente di selezionare alcune configurazioni predefinite in base a ciò che si sta per ascoltare (musica o film), oltre ad integrare una tecnologia per rendere le voci più nitide e i bassi più pronunciati.

Al momento X-Tubes è in vendita esclusivamente sul territorio giapponese, ad un prezzo fissato in 45 dollari, circa 33 euro e non è prevista una sua commercializzazione in occidente, ma può essere ordinato attraverso alcuni dei molteplici canali d’importazione presenti in Rete.

Di seguito, una breve galleria che mostra il dongle connesso ad un computer portatile, l’illuminazione tramite LED blu e le cuffie AH-516 fornite in dotazione.

Ti potrebbe interessare
Facebook è vulnerabile ai bot
Prezzi e tariffe

Facebook è vulnerabile ai bot

Facebook ha davvero molto di cui lavorare sul tema della sicurezza. Nuovi test condotti dalla University of British Columbia di Vancouver, hanno evidenziato nuovi problemi. I ricercatori dell’università, hanno semplicemente effettuato un’attacco al social network sfruttando i bot e il risultato è stato quello di riuscire a rubare circa 250GB di dati di utenti e

Google odia iPhone. Parola di Tim Bray
Android

Google odia iPhone. Parola di Tim Bray

Continua a tenere banco la disputa tra Google e Apple che, negli ultimi giorni, sembrano non riuscire a trattenersi dall’accusarsi l’un l’altra. A rendere ancora più infuocata la querelle, è Tim Bray, Developer Advocate di Google specializzato nello sviluppo di Android. Secondo l’uomo, BigG addirittura odierebbe iPhone. Il melafonino sarebbe responsabile di limitare fortemente lo