Nikon, violato il sistema di autenticazione delle immagini

Il sistema di autenticazione delle immagini implementato da Nikon in alcune sue fotocamere professionali è stato bucato, mettendo di fatto a rischio l’impiego di questi prodotti in ambito legale, dato che la tecnologia in questione viene utilizzata anche per verificare l’autenticità delle fotografie da prendere in considerazione nelle aule dei tribunali. A scoprire la falla

Il sistema di autenticazione delle immagini implementato da Nikon in alcune sue fotocamere professionali è stato bucato, mettendo di fatto a rischio l’impiego di questi prodotti in ambito legale, dato che la tecnologia in questione viene utilizzata anche per verificare l’autenticità delle fotografie da prendere in considerazione nelle aule dei tribunali.

A scoprire la falla nel sistema proprietario di Nikon e a dare una dimostrazione di come sia possibile renderlo inutile è stata l’azienda russa Elcomsoft, che ha dichiarato di essere riuscita ad estrarre la chiave di verifica rendendola collegabile a qualsiasi immagine, anche se diversa da quella originale. Dunque, secondo Elcomsoft, la chiave originale può essere estratta e associata a tutti i file che si desiderano, rendendo così impossibile distinguere quelli autentici da quelle modificati.

Per dimostrare la fondatezza delle sue osservazioni, l’azienda russa ha pubblicato una foto che mostra la copertina dell’album “Abbey Road”, dei Beatles, con dei pupazzi di plastica che camminano su una strada fatta con i Lego al posto del quartetto che attraversa le strisce pedonali come nella versione originale. Elcomsoft ha subito fatto notare la cosa a Nikon, ma il gruppo giapponese non avrebbe risposto, secondo quanto spiegato da Olga Koksharova, direttore marketing e delle vendite:

All’inizio eravamo sicuri che Nikon si sarebbe interessata a questo problema e che in qualche modo avrebbe collaborato. Tuttavia non abbiamo ricevuto alcuna risposta per un periodo di tempo piuttosto lungo, così abbiamo deciso di pubblicare le nostre scoperte e renderle disponibili al mondo intero, dato che a qualcuno potrebbero interessare.

La falla sarebbe comune a diversi modelli Nikon che supportano il sistema di autenticazione delle foto, quindi le Nikon D3X, D3, D700, D300S, D300, D2Xs, D2X, D2Hs e le reflex Nikon D200.

Ti potrebbe interessare
La nuova visione di Nokia
Business

La nuova visione di Nokia

Il gruppo finlandese sposta il proprio raggio d’azione verso i settori legati alla connettività, alla Internet of Things e più in generale ai servizi.

Google acquisisce la Invite Media
Business

Google acquisisce la Invite Media

Google compie un ulteriore passo nel settore dell’advertising e acquista Invite Media, giovane ma collaudata piattaforma americana. La stretta di mano darà a entrambe le parti corpose possibilità di crescita e potrà ostacolare quella della concorrenza.

Microsoft, problemi di sicurezza per IIS 6
Software e App

Microsoft, problemi di sicurezza per IIS 6

Tutti i principali software che sfruttano i protocolli WebDAV sono a rischio di attacco per una falla che consente di raggiungere percorsi che richiederebbero privilegi elevati. In attesa di una patch specifica Redmond consiglia di disabilitare WebDAV

Drive SSD da 2,5″ per Notebook
hard disk sandisk

Drive SSD da 2,5″ per Notebook

SanDisk ha recentemente presentato il suo nuovo drive SSD da 2,5″ per Notebook. Il disco ha una capacità di 32GB e promette prestazioni migliori rispetto al suo predecessore da 1,8″: si è passati da un’interfaccia U-ATA ad un’intefaccia S-ATA, con una velocità di lettura stimata intorno ai 67MB/s e un tempo medio di accesso pari

Samsung lancia in Italia il primo UMA al mondo
Gadget e Device

Samsung lancia in Italia il primo UMA al mondo

Samsung lancia in Italia quello che annuncia essere il primo cellulare Unlicensed Mobile Access al mondo. Permetterà di usare tanto il WiFi quanto il GSM ed avrà in dotazione 80Mb di memoria ed una fotocamera da 1.3 megapixel. Seguirà il lancio in Europa