IDF 2011: Intel mostra le tecnologie del futuro

Ultimo giorno dell’IDF 2011 dedicato ai progetti del futuro. Intel è sempre impegnata nella ricerca di tecnologie che permettano di ottenere prestazioni di calcolo superiori, riducendo al minimo i consumi energetici. I risultati di questi studi sono stati mostrati sul palco da Justin Rattner, CTO del chipmaker di Santa Clara. Le due tecnologie sono il

Ultimo giorno dell’IDF 2011 dedicato ai progetti del futuro. Intel è sempre impegnata nella ricerca di tecnologie che permettano di ottenere prestazioni di calcolo superiori, riducendo al minimo i consumi energetici. I risultati di questi studi sono stati mostrati sul palco da Justin Rattner, CTO del chipmaker di Santa Clara. Le due tecnologie sono il Near Threshold Voltage Processor e la Hybrid Memory Cube.

Il processore NTV dimostra come sia possibile ridurre la tensione di funzionamento, incrementando allo stesso tempo l’efficienza per ottenere il “green computing” con dispositivi sempre accesi e una maggiore autonomia delle batterie. I transistor attuali lavorano ad una tensione di circa 1 Volt. I circuiti del processore NTV (nome in codice Claremont) invece operano a circa 400-500 millivolt, un valore molto vicino alla tensione di soglia dei transistor.

Il prototipo mostrato all’IDF consuma un’energia inferiore a 10 milliwatt e rappresenta il punto di partenza per creare dispositivi “always on” e “zero power”, in cui i consumi sono talmente bassi da richiedere solo una cella solare per l’alimentazione.

Hybrid Memory Cube è invece la più veloce ed efficiente DRAM mai progettata. Realizzata in collaborazione con Micron, questo nuovo tipo di memoria permette di ottenere una larghezza di banda di 128 GB/s e consumi sette volte inferiori alle memorie attuali con una tensione di 1,2 Volt. Le DDR3 a 1.333 MHz funzionano a 1,5 Volt e hanno una larghezza di banda di soli 10,7 GB/s.

La Hybrid Memory Cube è costituita da “cubi” ottenuti assemblando più chip in modo da formare una pila. I cubi sono collegati tra loro mediante una nuova interfaccia ad alta efficienza che riduce drasticamente i consumi, garantendo una velocità di trasferimento di un trilione di bit al secondo. Questa tecnologia troverà posto in diversi prodotti, tra cui server, ultrabook, tablet, smartphone e televisori.

Ti potrebbe interessare
Coca-Cola, Obama e gli afro-americani
Web e Social

Coca-Cola, Obama e gli afro-americani

In una recente intervista per AdvertisingAge, una manager del marketing di Coca-Cola, Yolanda White, racconta come la sua azienda abbia costituito un gruppo di ricerca dedicato alla popolazione afro-americana fin dal 2006, per mettere a punto un “approccio più olistico” a quel grande segmento di consumatori nel mercato statunitense.Perché questo interesse? Se non altro, perché

Sharpening, una tecnica fondamentale
Imaging

Sharpening, una tecnica fondamentale

Spesso quando nell’ambito della fotografia si parla con termini tecnici e con un gergo che persone poco pratiche fanno fatica a capire e tra questi termini c’è l’importante tecnica dello sharpening, che significa rendere le immagini più nitide.Molti si chiederanno perché sia così importante e la risposta è nelle differenze fra la pellicola ed il

Neonode e nuove idee sulla user interaction
Google

Neonode e nuove idee sulla user interaction

Sono sempre incuriosito da esperimenti sulle interfacce grafiche per i dispositivi mobili e quando trovo qualcosa di interessante mi piace condividerlo con tutti per sentire pareri ed opinioni da cui spesso nascono idee interessanti (dicasi anche brainstorming).

Come funziona il WiMax in Spagna
Imaging

Come funziona il WiMax in Spagna

Un piccolo test di funzionamento ed installazione di un servizio WiMax spagnolo. Anche se il video è commentato in lingua spagnola sono comunque assolutamente comprensibili i passaggi dell’installazione e del setup della navigazione.

MSN: nuova Toolbar e nuovo Desktop Search
Software e App

MSN: nuova Toolbar e nuovo Desktop Search

Microsoft offre la versione finale del proprio desktop search (oltre 200 tipi di file indicizzabili più ulteriori facoltà grazie al sistema di add-in) ed apre alla ricerca sul desktop anche tramite la nuova toolbar (priva dell’annunciato tabbed browsing)