AMD potrebbe acquisire una licenza ARM

Se gli utenti chiederanno un prodotto con CPU ARM, AMD acquisirà la necessaria licenza.

Con l’arrivo del nuovo CEO Rory Read, AMD ha iniziato una nuova “stagione” con diversi cambiamenti organizzativi che hanno comportato il licenziamento di 1.400 dipendenti. In futuro l’azienda di Sunnyvale focalizzerà la propria attenzione verso le richieste degli utenti, piuttosto che inseguire la rivale Intel. Per questo motivo, se il mercato lo richiederà, AMD potrebbe anche acquisire una licenza ARM.

Le prime indiscrezioni sullo sviluppo di un ipotetico processore ARM sono iniziate a circolare verso la fine di novembre. AMD avrebbe deciso di realizzare chip per smartphone e tablet entrando in un mercato attualmente dominato da Qualcomm. Proprio l’azienda di San Diego potrebbe diventare un serio concorrente quando arriveranno sul mercato i primi notebook ARM basati su Windows 8.

Rory Read ha dichiarato che AMD continuerà ad investire nell’architettura x86, lasciando comunque una porta aperta ad ARM:

Non gireremo le spalle ai nostri concorrenti, ma noi siamo orientati al mercato. La cosa più importante è ascoltare il cliente.

In altre parole, se in futuro gli utenti chiederanno un prodotto con processore ARM, AMD non esiterà ad acquisire una licenza dal chipmaker inglese. Nel frattempo, dopo l’annuncio della cancellazione delle APU Wichita e Krishna, l’azienda dovrà prendere al più presto delle decisioni per il 2012. Nel corso dell’incontro con gli analisti finanziari previsto per il 2 febbraio verrà illustrata la nuova roadmap per i prossimi anni.

Ti potrebbe interessare
Google nel mirino dell’Antitrust, crollo in borsa
Google

Google nel mirino dell’Antitrust, crollo in borsa

Stando ad alcune fonti interrogate dal Wall Street Journal, Google sarebbe finita nel mirino dell’antitrust con un’azione legale imminente. Non appena è stata diffusa la notizia, il titolo in borsa ha ripiegato in territorio negativo, tuttavia i veri guai per l’azienda potrebbero iniziare soltanto a partire dai prossimi mesi.

Advertising in calo, ma il Web regge
Business

Advertising in calo, ma il Web regge

L’advertising è in calo su tutti i media, tranne che sul Web: stampa, -23.9%; televisione, -13.9%; radio, -15.8%; affissioni, -26.4%. La Rete chiude l’ultimo anno, al contrario, con un aumento del 6.2% raggiungendo un volume da 317 milioni di euro

43 centesimi di dollaro per ogni Mac violato
Software e App

43 centesimi di dollaro per ogni Mac violato

Aumentano i device Apple . Aumenta l’appetibilità degli stessi. Una apposita commissione incoraggia webmaster criminali ad organizzare trappole per portare l’utenza su siti truffaldini. In questi meccanismi si sviluppa l’industria del malware russa

Partono gli abbonamenti WiMax di Linkem, mini test di copertura
Prezzi e tariffe

Partono gli abbonamenti WiMax di Linkem, mini test di copertura

Come promesso poco tempo fa, Linkem, uno dei nuovi gestori WiMax italiani ha aperto il sito alle prime adesioni per il proprio servizio di connettività su rete WiMax.Le offerte ve le avevamo già anticipate e sentendo i vostri commenti, sono da reputarsi molto competitive.Abbiamo voluto però fare una piccola prova: visto che sul sito non

Elitel ancora in blackout
Prezzi e tariffe

Elitel ancora in blackout

Elitel, dopo i blackout della scorsa estate, e l’ultimo di qualche tempo fa, lascia nuovamente i propri abbonati senza connessione ADSL. Le proteste degli utenti, stufi dei troppi disservizi (tre in sei mesi), si sono concretizzate in un Comitato nazionale tutela utenti Elitel.Il comitato sta già raccogliendo consensi con lo scopo di far valere i

Piemonte abandastretta
Prezzi e tariffe

Piemonte abandastretta

Una iniziativa che merita opportuna segnalazione: ‘A banda stretta’ è un nuovo blog nato per sensibilizzare l’opinione pubblica circa i problemi relativi al digital divide. Il tutto nasce nel torinese per rimarcare il disagio dei paesi della cintura