Volvo: ibride e tradizionali, stessa catena

Con opportune modifiche alla linea di produzione, le versioni ibride saranno disponibili nei vari allestimenti e con i vari optional proposti dalla casa.

La crisi che ha colpito il gruppo Volvo sembrava non trovare pace: prima, nel 1999, fu la Ford a rilevare la società svedese per oltre sei miliardi di dollari, ma la situazione non migliorò; poi, nel 2009, fu la cinese Geely ad accordarsi con il brand americano acquistando il marchio Volvo per appena un miliardo e ottocentomila dollari. Da allora sono passati circa tre anni e finalmente sembra essere arrivato il punto di svolta.

I nuovi proprietari della casa svedese hanno infatti messo a punto un sistema di produzione innovativo che consente di realizzare vetture ibride plug-in nello stesso impianto in cui vengono realizzate le vetture tradizionali; il tutto è stato realizzato nell’impianto di Torslanda, nei pressi di Goteborg, dove oltre alle Volvo V60, V70, S80, XC70 e XC90 a motore termico verrà prodotta anche la Volvo V60 Plug-In Hybrid.

Essa, rispetto all’equivalente versione tradizionale, necessita di oltre trecento componenti aggiuntive e per poter essere realizzata nello stesso impianto sono stati necessari diversi interventi, tutti finalizzati ad ottimizzare ogni millimetro della catena di produzione; basti pensare infatti che per installare il corpo batterie, questo deve essere ruotato all’interno dell’abitacolo di novanta gradi con un gioco a disposizione di appena venti millimetri.

Tale innovazione porterà con se un importante vantaggio: realizzando la versione ibrida allo stesso modo della versione standard, anche per essa saranno disponibili tutti gli allestimenti e tutti gli optional previsti per il modello di base, così da dare all’acquirente una maggiore possibilità di personalizzazione. Ed è proprio per questo motivo che i tecnici Volvo puntano ad aumentare la produzione passando dalle mille unità previste per il 2013 a ben 4000-6000 unità per il biennio 2014-2015.

Ti potrebbe interessare
nVidia: la potenza delle GPU al servizio del software
cuda gpgpu gpu

nVidia: la potenza delle GPU al servizio del software

In attesa delle prossime soluzioni grafiche previste per il mese di Giugno, nVidia sta cercando di portare tutta la potenza di elaborazione delle sue GPU verso il settore mainstream.Attualmente prodotti come la famiglia Tesla, utilizzata da aziende e università per elaborare calcoli paralleli non grafici nel settore scientifico e medico, si basano su architetture video

Arriva Vista, cambio piccì
Gadget e Device

Arriva Vista, cambio piccì

Con l’arrivo del nuovi sistema operativo Microsoft buona parte dell’utenza Windows prenderà in considerazione il passaggio al nuovo SO e contemporaneamente il cambio del proprio parco hardware. Come muoversi?