Tesla elimina la batteria da 90 kWh

Tesla ha deciso di eliminare il pacco batteria da 90 KWh; le Model S e le Model X si potranno acquistare solamente nelle varianti da 75 e da 100 KWh.

Tesla ha deciso di razionalizzare la sua offerta commerciale per quanto riguarda i modelli Model S e Model X. Recentemente, l’azienda guidata da Elon Musk aveva rimosso la variante delle sue auto elettriche dotata della batteria da 60 kWh. Successivamente, l’azienda aveva lanciato anche un nuovo configuratore con una serie di nuove opzioni messa a disposizione dei clienti per personalizzare le autovetture. Adesso, Tesla si appresta ad effettuare un altro importante cambiamento che è quello di rimuovere la disponibilità del pacco batterie da 90 kWh.

La mossa di per se può non stupire troppo visto che in commercio già da un po’ di tempo c’è la variante da 100 KWh ad un prezzo poco superiore. Tesla, dunque, probabilmente ha deciso di puntare direttamente solamente sulla versione con pacco batterie di maggiore grandezza che offre ovviamente anche una migliore autonomia. Inizialmente le varianti da 90 e 100 KWh hanno tranquillamente convissuto visto che la declinazione con il pacco batteria più grande era commercializzata solo in allestimento “Performance“. Ma adesso, con l’arrivo della versione standard da 100 KWh, la declinazione da 90 KWh rischiava solamente di essere un doppione.

Nello specifico, le Model S e Model X con pacco batteria da 90 KWh non saranno più disponibili dal prossimo 8 giugno. Questo significa che tra una manciata di giorni le Model S e le Model X di Tesla saranno disponibili solamente con due pacchi batterie: quello da 75 KWh e quello da 100 KWh.

Un’offerta maggiormente razionale che dovrebbe aiutare i futuri clienti a scegliere con maggiore facilità il proprio modello preferito.

Ti potrebbe interessare
Microsoft sfida FaceTime con Windows Phone 7
skype

Microsoft sfida FaceTime con Windows Phone 7

La videochiamata in salsa Apple piace molto agli utilizzatori degli smartphone e, così come consuetudine per le novità di Cupertino, altri competitor stanno pensando di introdurre funzioni simili. A scendere in campo potrebbe essere Microsoft che, durante l’ultimo CES, ha lasciato trapelare alcune indiscrezioni sull’arrivo di un FaceTime per Windows Phone 7.

Gmail bocciata all’università
Software e App

Gmail bocciata all’università

Prima Yale, poi UC Davis: nel giro di poche settimane due università USA hanno bocciato il passaggio ai servizi Google esprimendo preoccupazione per la tutela della privacy dei propri dipendenti e studenti: il cloud non convince ancora

Dicesi Net Neutrality
Web e Social

Dicesi Net Neutrality

Secondo AT&T Google viola le regole della Net Neutrality poiché si pone in concorrenza con il carrier senza tuttavia garantire il servizio a tutti gli utenti. Google ritiene invece di essere al di sopra delle regole. Regole che la FCC dovrà ridefinire

Creare file PDF protetti da password
Apple

Creare file PDF protetti da password

Il sistema operativo Mac OS X integra un supporto piuttosto esteso alla creazione di file PDF; questo significa che ogni applicazione può usufruire di questa funzionalità: è sufficiente mandare in stampa il file aperto e selezionare, invece della stampante fisica, il tasto “PDF”, posto in basso a sinistra nel box delle opzioni di stampa.Questa funzione

Kazaa colpevole: addio Kazaa?
Intrattenimento Web e Social

Kazaa colpevole: addio Kazaa?

Una sentenza australiana vede in Kazaa le colpe legate all’uso che gli utenti fanno del software di condivisione file. Per Kazaa restano ora 2 possibilità: adattarsi alle regole imposte dalla sentenza, oppure chiudere i battenti. FIMI applaude