QR code per la pagina originale

Microsoft, via la musica dal Microsoft Store

Microsoft ha iniziato a rimuovere la sezione Musica dal Microsoft Store come ulteriore passo verso l'eliminazione del suo servizio di streaming musicale.

,

Microsoft sta facendo un ulteriore passo per l’eliminazione dell’offerta musicale da Windows 10. Come noto, lo scorso ottobre il gigante del software aveva annunciato la decisione di interrompere il suo servizio musicale Groove Music, invitando i suoi clienti a passare a Spotify. La data ultima per il funzionamento del servizio di streaming Groove Music è il 31 dicembre 2017, dunque, tra un paio di settimane. Successivamente, l’app Groove Music potrà essere sfruttata solamente per riprodurre la musica già acquistata o quella in proprio possesso e caricata sul computer.

Come ulteriore passo verso la completa eliminazione dell’offerta musicale, la rimozione della sezione “Musica” dal Microsoft Store. Questa novità è disponibile, al momento, solamente per gli Insider ma molto presto dovrebbe arrivare per tutti gli utenti Windows 10. La casa di Redmond, dunque, si sta apprestando a rimuovere la sezione “Musica” dal suo Microsoft Store, sezione attraverso la quale gli utenti Windows 10 potevano comprare nuova musica da ascoltare attraverso il loro computer, console o dispositivo mobile. Una mossa che non sorprende vista la decisione di Microsoft di abbandonare il settore dello streaming musicale in cui, verosimilmente, non aveva ottenuto il successo sperato.

Si ricorda che grazie ad un accordo con Spotify, gli attuali utilizzatori del servizio streaming di Groove Music potranno effettuare una completa migrazione delle loro raccolte e Play List direttamente all’interno della nota applicazione di streaming musicale. In questo modo gli utenti potranno continuare a godere della loro musica senza interruzioni.

Per agevolare ulteriormente il passaggio, Spotify ha lanciato anche un’applicazione per Windows 10 e per Xbox. In questo modo gli utenti potranno continuare ad ascoltare la loro musica all’interno dei medesimi dispositivi, solamente cambiando applicazione.

Fonte: MSPOWERUSER • Immagine: ibreakstock via Shutterstock