QR code per la pagina originale

Con Apple si lavora da casa: ecco l’Home Advisor

Apple rinnova negli USA la figura dell'At Home Advisor, un collaboratore da casa per l'assistenza telefonica: i social rimangono sorpresi dell'iniziativa.

,

Ha generato grandi curiosità sui social network uno degli ultimi annunci di lavoro apparsi sul sito ufficiale di Apple e, al momento, inerente agli Stati Uniti. La società di Cupertino starebbe infatti cercando diversi lavoratori da casa, da impiegare in servizi d’assistenza, garantendo loro benefit di tutto rispetto. Non si tratta, tuttavia, di un novità per la mela morsicata: la figura dell’At Home Advisor esiste infatti da diverso tempo.

In concomitanza con l’avvio del 2018, Apple ha pubblicato circa una cinquantina di offerte d’assunzione destinate ai lavoratori da casa, al momento limitate agli Stati Uniti. Un’opportunità che ha generato molta curiosità sui social network, sia per la fama del marchio, che per i benefit disponibili. La società offre infatti la possibilità di scegliere tra un impiego part time o full time, uno stipendio di buon livello, la possibilità di accedere a forti sconti per i prodotti Apple e, non ultimo, contributi per vacanze, malattia e molto altro. E così il web si è accorto della figura dell’At Home Advisor, una professione in realtà già da molto presente in quel di Cupertino.

Il programma è stato lanciato qualche tempo fa e, a oggi, dispone di numerosi collaboratori sparsi nei luoghi più disparati degli Stati Uniti. L’At Home Advisor non è altro che una figura specializzata nell’assistenza telefonica dei clienti: dopo un adeguato training, la figura professionale è in grado di rispondere a qualsiasi esigenza del consumatore, si tratti di un dubbio nell’uso di una funzione di un dispositivo o, ancora, di una richiesta d’aiuto per un guasto.

Non stupisce che una realtà tanto tecnologica quanto Apple abbia deciso di affidarsi, tra le tante possibilità di collaborazione con i professionisti, anche al telelavoro. Più sorprendente è invece la risposta dei social, forse anche perché l’occupazione proposta da Cupertino sembra garantire un ritorno economico più elevato rispetto ad altri lavori analoghi.

Fonte: Apple • Via: Chron • Immagine: Apple