QR code per la pagina originale

Instagram dice quando si è connessi

Instagram ha introdotto una nuova funzionalità che permette di scoprire lo stato di attività degli amici all'interno dei messaggi privati.

,

Instagram ha introdotto una nuova funzionalità che potrebbe far storcere un po’ il naso a chi tiene particolarmente alla privacy su Internet. Il social network fotografico ha, infatti, attivato lo stato di attività all’interno dei messaggi privati (Direct). Questo significa che tutti gli utenti saranno in grado di scoprire quando i loro contatti hanno utilizzato attivamente l’ultima volta l’applicazione. Questa novità è arrivata come parte integrante dell’ultimo aggiornamento dell’app per iOS ed Android.

All’interno dei messaggi privati, gli utenti visualizzeranno sotto il nome del contatto, il suo ultimo stato di attività, cioè quanto tempo è passato dall’ultima volta che è stato attivo all’interno della piattaforma. Fortunatamente, al momento questa novità è accessibile solamente all’interno dei messaggi privati di Instagram. Sebbene possa sembrare una novità fastidiosa, soprattutto dal punto di vista della privacy, si ricorda che qualcosa di molto simile è disponibile da tempo all’interno di Facebook Messenger. Tuttavia, la novità introdotta da Instagram ha un lato positivo: si può disattivare liberamente nel caso gli utenti lo volessero fare.

Instagram dice quando si è connessi

Instagram dice quando si è connessi

Disattivare questa funzionalità è fortunatamente molto semplice. Quello che dovranno fare gli utenti è aprire l’applicazione, recarsi nelle Opzioni e poi scorrere la pagina sino a trovare “Mostra lo stato di attività“. Disattivando questa voce gli amici non potranno più vedere l’orario dell’ultima attività all’interno dell’app di Instagram dei loro contatti.

Il social network fotografico ha implementato una novità particolare che va ad invadere un po’ la privacy degli iscritti. Sebbene sia una funzione già presente anche altrove, Instagram ben ha fatto a dare la possibilità ai suoi iscritti di poterla disattivare nel caso la ritenessero eccessivamente fastidiosa.

Fonte: The Next Web • Immagine: USA-Reiseblogger via Pixabay