QR code per la pagina originale

Firefox 59, focus su prestazioni e privacy

Firefox 59 velocizza il caricamento delle pagine web, offre una maggiore privacy durante la navigazione anonima e può sostituire Google Assistant.

,

Mozilla ha annunciato una nuova versione del suo browser, la seconda dopo l’arrivo di Firefox Quantum. Con Firefox 59 per Windows, macOS e Linux sono stati apportati diversi miglioramenti che incrementano le prestazioni e offrono agli utenti una maggiore privacy durante la navigazione. La novità più importante della versione mobile si chiama Android Assist. Disponibile inoltre la beta di Firefox Quantum for Enterprise.

Le novità incluse in Firefox 59 non sono immediatamente visibili, ma si noteranno durante l’uso giornaliero del browser. Mozilla ha ottimizzato il codice per ridurre il tempo di caricamento delle pagine web attraverso la cache di rete o la cache memorizzata sul disco del computer (Race Cache With Network). Velocizzato inoltre il caricamento dei contenuti sulla home page e aggiunta la possibilità di personalizzare la pagina Nuova scheda, spostando i riquadri con il drag&drop. La tecnica Off-Main-Thread Painting (OMTP) per migliorare il rendering grafico (già disponibile su Windows) è ora utilizzata anche su macOS.

Per garantire la privacy degli utenti sono state eliminate le informazioni sul percorso nella modalità di navigazione anonima. In questo modo viene impedito il tracciamento cross-site mediante i referrer. Altre novità riguardano gli screenshot. È possibile disegnare sugli screenshot salvati e modificare l’area selezionata dopo il salvataggio. La versione compatibile con il sistema operativo Google permette di effettuare una ricerca con Firefox, invece di usare Google Assistant, quando viene premuto a lungo il pulsante Home.

Gli utenti Amazon Fire TV vedranno una nuova schermata home che consente di mostrare i riquadri dei siti preferiti. Mozilla ha infine rilasciato Firefox Quantum for Enterprise. Questa versione dedicata alle aziende permette agli amministratori di distribuire ai dipendenti installazioni pre-configurate del browser, eliminando eventualmente le funzionalità non necessarie e includendo gli add-on più utili.

Fonte: Mozilla