QR code per la pagina originale

Sharp Aquos S3, smartphone full screen compatto

Lo Sharp Aquos S3 è uno smartphone con schermo 18:9 da 6 pollici, processore octa core, 4 GB di RAM, 64 GB di storage e doppia fotocamera posteriore.

,

Il produttore giapponese, noto principalmente per le TV, offre diversi smartphone interessanti, l’ultimo dei quali è lo Sharp Aquos S3, considerato il modello da 6 pollici più compatto del mondo. Non poteva mancare ovviamente il notch nella parte superiore dello schermo che ha permesso di ottenere uno screen-to-body ratio del 91%. Purtroppo il dispositivo sarà in vendita nei paesi asiatici e non arriverà in Europa.

Lo Sharp Aquos S3 possiede un frame in alluminio e una cover posteriore in vetro leggermente curva. Lo schermo da 6 pollici ha una risoluzione full HD+ (2160×1080 pixel) e dunque un rapporto di aspetto 18:9. Grazie alla tacca nella parte superiore e allo spessore ridotto delle cornici è stata incrementata l’area di visualizzazione, senza aumentare le dimensioni complessive (148,2×74,2×7,98 millimetri). La dotazione hardware comprende inoltre un processore octa core Snapdragon 630, 4 GB di RAM e 64 GB di memoria flash, espandibili con schede microSD fino a 128 GB.

Per la doppia fotocamera posteriore sono stati scelti sensori da 12 e 13 megapixel, abbinati rispettivamente ad un obiettivo grandangolare e ad un teleobiettivo con zoom lossless 2x. La fotocamera frontale ha invece una risoluzione di 16 megapixel e viene sfruttata anche per sbloccare lo smartphone attraverso il riconoscimento facciale. La connettività è garantita dai moduli WiFi 802.11ac, Bluetooth 5.0, GPS, NFC e LTE con supporto dual SIM (slot ibrido). Sono presenti anche il lettore di impronte digitali e la porta USB Type-C. La batteria da 3.200 mAh supporta la ricarica rapida Quick Charge 3.0.

Il sistema operativo è Android 8.0 Oreo con interfaccia Smile UX. Lo Sharp Aquos S3 sarà disponibile solo in nero ad un prezzo di 11.990 dollari taiwanesi (circa 330 euro). L’inizio delle vendite è previsto per il 1 aprile.

Fonte: Fonearena