QR code per la pagina originale

Jim Keller da Tesla ad Intel

Tesla perde un pezzo importante del suo team di sviluppo dell'autopilot; Jim Keller lascia la corte di Elon Musk per approdare ad Intel.

,

Jim Keller ha lasciato Tesla dove rivestiva il ruolo di Vice President of Autopilot Hardware Engineering per dirigersi verso Intel con il ruolo di Senior Vice President dove si occuperà dello sviluppo dei processori. Jim Keller è una figura di spicco nell’ambito dello sviluppo dei microprocessori. Prima di approdare in Tesla, infatti, Jim Keller ha lavorato per AMD per poi approdare in Apple dove ha lavorato allo sviluppo dei processori per gli iPhone e gli iPad, per poi tornare nuovamente in AMD prima della sua esperienza alla corte di Elon Musk.

Per comprendere il valore di questa persona basti evidenziare come abbia rivestito ruoli chiave nello sviluppo dei processori Athlon e Opteron a 64 bit e dei chip Apple A4 e Apple A5. In Tesla, Jim Keller ha lavorato all’evoluzione dei chip che la società utilizza per la sua piattaforma di guida autonoma. Sicuramente, in Intel, Jim Keller porterà tutto il suo bagaglio di esperienze e saprà contribuire attivamente alle nuove soluzioni su cui la società sta lavorando. Per quanto riguarda strettamente Tesla, il ruolo di Keller sarà preso da Pete Bannon, un ingegnere che come il suo predecessore ha lavorato per Apple e che ha contribuito allo sviluppo di tutti gli ultimi chip dei dispositivi mobile della mela morsicata.

Contestualmente, Andrej Karpathy che oggi riveste il ruolo di “Director of AI and Autopilot Vision”, assumerà anche la responsabilità del completo sviluppo del software delle auto a guida autonoma della società americana.

Sicuramente per Tesla trattasi di una perdita molto pesante visto il “peso specifico” di Jim Keller, soprattutto in un momento in cui il suo sistema autopilot è finito più volte sotto accusa a seguito di alcuni incidenti che vedevano coinvolte le sue auto a guida autonoma.

La società di Elon Musk, comunque, ha ribadito che continuerà a lavorare per sviluppare la sua piattaforma hardware con il team che Keller ha contribuito a mettere insieme.

Fonte: TechCrunch • Via: Eletreck • Immagine: Electrek