QR code per la pagina originale

Build 2018, assistenza remota con HoloLens

Con Microsoft Remote Assist è possibile contattare l'assistenza remota e ricevere indicazioni, immagini e annotazioni attraverso il visore HoloLens.

,

Il primo giorno della conferenza Build 2018 è stato in parte dedicato alla realtà mista. L’azienda di Redmond ha presentato due applicazioni per HoloLens che saranno disponibili in anteprima il prossimo 22 maggio. Microsoft Layout consente di importare e spostare oggetti 3D all’interno di una stanza, mentre Microsoft Remote Assist permette di fornire assistenza remota in maniera interattiva. Entrambi sono soluzioni sviluppate per il mondo del lavoro.

Come si può vedere nel video, quando il lavoratore incontra un problema tecnico può rivolgersi all’assistenza remota per chiedere aiuto. Dopo aver indossato il visore è sufficiente avviare l’app Remote Assist e scegliere il contatto. Quest’ultimo risponderà tramite notebook con Windows 10, suggerendo la soluzione attraverso la condivisione di immagini e annotazioni che il cliente vedrà sovrapposte all’aggetto reale, grazie alla tecnologia di HoloLens. Ciò avviene utilizzando le funzionalità di Microsoft Teams, tra cui le video chiamate.

Il controllo degli accessi alle comunicazioni remote avviene tramite Azure Active Directory login e Mobile Device Management, quindi è garantita la massima sicurezza. Il principale vantaggio di Remote Assist è l’efficienza, in quanto il problema viene identificato e risolto a distanza, evitando inutili attesa o viaggi.

Il requisito minimo per HoloLens è la build RS1 (10.0.14393.0) di Windows 10, mentre per il login serve Azure Active Directory. Microsoft Teams è inclusa nelle edizioni aziendali di Office 365. L’app Remote Assist può essere scaricata dal Microsoft Store o dal Microsoft Store for Business. Per le chiamate audio/video è necessaria una larghezza di banda minima di 1,5 MB/s.

Fonte: Microsoft • Immagine: Microsoft