QR code per la pagina originale

Google WiFi al debutto in Italia

Il router modulare di bigG è disponibile per l'acquisto anche nel nostro paese: Google WiFi in vendita a 139 euro o a 359 euro per il kit da tre unità.

,

A quasi due anni dalla presentazione e dal debutto oltreoceano, Google WiFi è finalmente pronto a fare il suo esordio anche nel nostro paese. Il dispositivo, dedicato alla connettività in ambito domestico, è disponibile a partire da oggi, acquistabile sullo store ufficiale di bigG e su altri negozi online (in offerta su Amazon a 139 euro). Arriverà presto anche nei punti vendita TIM distribuiti sul territorio italiano.

Al prezzo di 139 euro si porta a casa il pacchetto contenente una singola unità, mentre affrontando una spesa pari a 359 euro è possibile mettere le mani sul kit da tre Google WiFi. Si tratta infatti di un device modulare, in grado di creare una rete wireless adatta a coprire in modo efficiente anche gli spazi più ampi, senza risentire degli ostacoli costituiti da pareti o piani differenti. I primi test condotti in seguito al lancio hanno promosso il dispositivo dal punto di vista delle performance.

A differenza dei router tradizionali “centralizzati” o dell’impiego di ripetitori per estendere la portata del segnale con un inevitabile decadimento delle prestazioni, Google WiFi sfrutta la tecnologia mesh e un processo di configurazione guidato (tramite un’app su Android e iOS) per allestire un network domestico efficiente in ogni punto dell’abitazione. Ancora, il sistema Network Assist stabilisce autonomamente e in modo continuativo a quale canale connettere un determinato utente in base alla sua posizione e alle sue esigenze, passando senza interruzioni da un punto d’accesso all’altro mentre ci si sposta.

L’applicazione offre inoltre funzioni avanzate come quelle dedicate al parental control, per sospendere le attività online dei più piccoli quando è ora di mettersi a tavola o di andare a letto, senza dimenticare il monitoraggio costante e dettagliato dei dispositivi connessi e della banda assorbita. A questo si aggiungono caratteristiche come l’installazione di aggiornamenti automatici così da garantire il massimo livello possibile di sicurezza per la rete e l’impiego della crittografia.

Fonte: Google Blog Italia • Immagine: Google