QR code per la pagina originale

500 droni Intel al posto dei fuochi d’artificio

Per festeggiare il 4 luglio, alla Travis Air Force Base non si utilizzeranno i fuochi d'artificio ma bensì si assisterà ad una danza di droni.

,

Per festeggiare il 4 luglio, alla Travis Air Force Base, a Fairfield, in California, non si ricorrerà ai classici fuochi d’artificio ma piuttosto ad una soluzione più innovativa e probabilmente molto più spettacolare. Per festeggiare adeguatamente la ricorrenza del giorno dell’indipendenza e i 75 anni della base americana saranno utilizzati 500 droni Shooting Star di Intel che prenderanno il volo per disegnare in aria uno spettatolo davvero suggestivo. Il punto di forza di questi droni è la loro piattaforma di gestione che permette di controllarli all’unisono facendoli volare in maniera assolutamente sincronizzata.

Una piattaforma che, secondo Intel, sarebbe in grado potenzialmente di gestire un numero illimitato di droni. Effettivamente, lo spettacolo che i droni porteranno alla Travis Air Force Base sarà molto meno impressionante dal punto di vista tecnico di quello a cui si è assistito durante la cerimonia di apertura delle Olimpiadi Invernali di Pyeongchang. In quel caso furono utilizzati ben 1218 droni che riuscirono a danzare in aria in perfetto sincronismo regalando una spettacolo davvero unico. I droni Shooting Star di Intel sono stati utilizzati per spettacoli al Disney World e durante il Super Bowl americano.

Sicuramente trattasi di uno spettacolo molto diverso rispetto a quello offerto dai classici fuochi d’artificio ma che sarà in ogni caso sempre molto suggestivo. L’uso dei droni in questi particolari show porta anche ad alcuni vantaggi pratici. Rispetto ai fuochi d’artificio, i droni sono molto più silenziosi e questo permette a più persone di assistere agli spettacoli.

Trattasi di un modo nuovo di intrattenere la gente che, però, sta prendendo sempre di più piede anche perché le piattaforme di gestione permettono di creare scenografie sempre diverse e suggestive.

Fonte: TechCrunch • Immagine: Intel