Mozilla, Google e Opera rimuovono l’add-on Stylish

L’estensione Stylish per Firefox, Chrome e Opera, rimossa dagli store degli add-on, registrava diverse informazioni, tra cui i siti visitati dagli utenti.

Mozilla, Google e Opera hanno rimosso l’estensione Stylish dai loro rispettivi store per violazione della policy sulla privacy e la gestione dei dati. Ciò è avvenuto in seguito alla scoperta di un ricercatore di sicurezza: l’add-on registra la cronologia del browser, inviandola ad un server remoto.

Stylish era un’estensione molto popolare, in quanto consentiva di modificare l’aspetto delle pagine web attraverso i fogli di stile e nascondere parti indesiderate, come i news feed di Facebook e Twitter. Il precedente sviluppatore ha venduto l’add-on a SimilarWeb che, a partire da gennaio 2017, raccoglieva dati in forma anonima a scopo di analisi e marketing. L’attuale policy sulla privacy, in vigore dalla fine di maggio, prevede la raccolta di numerose informazioni, tra cui le richieste HTTP, le risposte a queste richieste (URL) e gli user agent.

Il ricercatore Robert Heaton ha studiato il funzionamento di Stylish, scoprendo che traccia la navigazione web e invia i dati ad un server remoto insieme ad un identificatore unico che, in alcuni casi, permette di trovare gli indirizzi email e l’identità reale degli utenti. In sostanza è diventato uno sniffer a tutti gli effetti con ovvie ripercussioni sulla privacy.

Mozilla, Google e Opera hanno rimosso l’estensione dai loro store e disattivato quella già installata nel browser. La community open source che si occupava nella versione originaria di Stylish ha creato Stylus con le stesse funzionalità, tranne quella di sniffer.

Ti potrebbe interessare