QR code per la pagina originale

Bari Matera 5G, accesa la prima antenna

Il progetto Bari Matera 5G passa alla fase standard con l'accensione della prima antenna che rispetta le specifiche fissate dal 3GPP.

,

Nuovo passo in avanti per il 5G in Italia. Alla Fiera del Levante, la prima antenna 5G in modalità standard del progetto Bari Matera 5G portato avanti da TIM, Fastweb e Huawei è stata accesa dal Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio. Con l’accensione di questa antenna collocata presso il Politecnico, il progetto Bari Matera 5G segna il passaggio dai test in campo su infrastrutture “pre-standard” a quelli su antenne “standard”, cioè pienamente conformi alle specifiche fissate dall’Ente di Standardizzazione mondiale 3GPP.

L’evento è stato l’occasione per illustrare i recenti sviluppi del 5G realizzati nelle due città attraverso alcune dimostrazioni “live” riguardanti i principali ambiti di applicazione della nuova tecnologia, con particolare attenzione a Smart City, Public Safety e Virtual Reality. Il nuovo standard di comunicazione, infatti, permetterà di abilitare tutta una serie di servizi di valore aggiunto che richiedono non solamente grande velocità di rete ma anche latenze ridottissime. Si ricorda, infine, che Bari Matera 5G è il progetto con cui TIM, Fastweb e Huawei si sono aggiudicate congiuntamente il bando di gara del MISE per la sperimentazione della nuova tecnologia 5G nelle due città.

Grazie ad un investimento di oltre 60 milioni di euro in 4 anni, Bari e Matera saranno fra le prime “città 5G” d’Europa nelle quali saranno sperimentati servizi innovativi in settori come la sanità, l’industria 4.0, il turismo, la cultura, l’automotive e la sicurezza pubblica. Il progetto coinvolge 52 partner di eccellenza, tra cui 7 centri universitari e di ricerca, 34 grandi imprese e 11 pubbliche amministrazioni. La rete 5G realizzata a Bari e Matera consentirà una capacità trasmissiva 10 volte superiore a quella del 4G e la sperimentazione metterà in campo oltre 70 use cases, determinando una radicale trasformazione dei territori coinvolti.

Fonte: Telecom Italia