QR code per la pagina originale

Emmy 2018: HBO e Netflix a pari merito

Netflix e HBO, campioni di nomination agli Emmy 2018, raggiungono un risultato a pari merito: 23 statuette per ogni singola piattaforma.

,

È stata una serata all’insegna delle piattaforme di streaming, quella che ha caratterizzato le premiazioni per gli Emmy 2018. A dominare la scena sono HBO e Netflix, pronte a fare incetta di nomination e premi, sebbene la prima non sia un operatore di streaming in senso stretto. L’emittente televisiva statunitense, però, da tempo ha lanciato un proprio portale per la visione di contenuti online.

Sul fronte delle nomination, per la prima volta Netflix ha battuto il competitor: sono ben 112 le nomination che il colosso dello streaming è riuscito ad aggiudicarsi, contro le 108 di HBO. Le successive premiazioni, tuttavia, hanno segnato un risultato a pari merito, con 23 statuette ciascuno.

HBO ha segnato l’obiettivo più importante della serata, vincendo la categoria “Miglior serie drammatica” con l’acclamato “Game of Thrones”. La produzione fantasy è stata di certo la grande vincitrice della serata, con ben nove statuette, tra cui anche il “Miglior attore non protagonista in una serie drammatica”, premio assegnato a Peter Dinklage. Tra le vincite più rilevanti di Netflix, invece, si segnala “The Crown” con cinque statuette, tra cui “Miglior attrice in una serie drammatica” per Claire Foy, quindi riconoscimenti anche per “Black Mirror”, “Godless” e molti altri.

Mentre la performance di HBO non stupisce, poiché emittente televisiva da decenni impegnata nella produzione di serie tv di qualità, per Netflix si tratta di un risultato molto importante. La piattaforma ha cominciato soltanto cinque anni fa a proporre al pubblico produzioni originali, come “House of Cards”, e oggi può contare su decine di show autoctoni, con investimenti di miliardi di dollari ogni anno. Il vantaggio di Netflix, rispetto agli studi televisivi classici, è la possibilità di sfruttare linguaggi diversi, sia di narrazione che visivi, grazie alla distribuzione prettamente online, quindi lontana dalle comuni logiche televisive e pubblicitarie. Uno sforzo riconosciuto anche sul fronte cinematografico, con le recenti vittorie sia agli Oscar che alla Mostra del Cinema di Venezia.

Fonte: Variety • Immagine: YouTube