QR code per la pagina originale

Microsoft Launcher, arriva il digital health

Microsoft ha aggiornato il suo Launcher per Android introducendo le funzionalità di digital health e tante altre novità.

,

Microsoft continua a sviluppare la sua applicazione Microsoft Launcher per dispositivi Android che tanto successo sta ottenendo. Adesso, il gigante del software ha aggiornato la sua app introducendo un’interessante novità legata al digital health. Più nello specifico, Microsoft Launcher consentirà a qualsiasi utente Android di accedere alla possibilità di monitorare per quanto tempo vengono utilizzate le app.

Gli utenti potranno scoprire quanto tempo il display del dispositivo è stato accesso, scoprire app per app quanto sono state utilizzate ed il numero volte in cui il dispositivo è stato sbloccato. Microsoft Launcher può essere installato su tutti i dispositivi Android con la versione del sistema operativo dalla release 4.2 o superiore. Dunque, questa funzione di digital health, potenzialmente, potrà essere accessibile ad un largo numero di utenti. Trattasi di una novità molto utile in quanto aiuta le persone a capire se stanno utilizzando troppo il loro dispositivo mobile.

Una funzionalità che sta andando molto di moda negli ultimi tempi. Soluzioni simili sono state adottate, per esempio, da Google in Android 9 Pie, da Apple e da Facebook.

L’ultima release (5.1) del Microsoft Launcher non si limita solamente a novità concernenti il digital health. Per esempio, arriva l’integrazione con To-Do per gestire gli elenchi delle cose da fare. Inoltre, la casa di Redmond ha introdotto anche il supporto a Sticky Notes per sincronizzare e gestire le note.

Infine, il nuovo Microsoft Launcher introduce anche la possibilità di attivare Cortana attraverso il comando vocale “Hey Cortana“.

Tutte queste novità sono disponibili, al momento, nel canale Beta di Microsoft Launcher. Gli interessati possono comunque già sperimentarle scaricando l’app Beta del Microsoft Launcher. Una più ampia distribuzione è attesa nel corso delle prossime settimane.

Fonte: The Verge