QR code per la pagina originale

GameStop verso la cessione a due società?

Secondo il Wall Street Journal, due società sarebbero interessate ad acquistare GameStop, e l'accordo potrebbe essere già annunciato il prossimo mese

,

Inutile nascondersi dietro ad un dito: con l’incremento del mercato digitale le catene di videogiochi che operano nel settore retail stanno sempre facendo più fatica e il lento e progressivo declino di GameStop è il caso sicuramente più eclatante e rumoroso. Risultato di questa inesorabile flessione la possibile cessione della compagnia ad una nuova società.

Come scrive il Wall Street Journal, sarebbero addirittura due le società interessate ad acquistare la popolare catena americana di videogiochi con un accordo che potrebbe essere annunciato il prossimo mese. Secondo le fonti del WSJ, le due compagnie che intendono “dividersi” GameStop sono Sycamore Partners e Apollo Global Management. Entrambe le società e la stessa GameStop hanno però rifiutato di commentare questa possibile operazione.

Sycamore Partners è un’azienda specializzata in investimenti al consumo e al dettaglio quindi l’avvicinamento ad una catena come GameStop, che vende appunto videogiochi al dettaglio, potrebbe essere effettivamente coerente con la politica della società.

Apollo, invece, è una società con anni di esperienza nell’acquisizione di aziende che hanno recentemente fatto fatica a raggiungere gli obiettivi finanziari. Quindi anche in questo caso l’accordo rientra perfettamente con quelli che sono i piani della società.

A inizio dicembre, nel suo ultimo rapporto fiscale relativo al terzo trimestre dell’anno, GameStop aveva annunciato di aver registrato perdite nette pari a 488,6 milioni di dollari (4,78 per azione). Il tutto considerando anche la recente vendita di Spring Mobile, una delle società satellite di GameStop, che ha fruttato alla compagnia statunitense 700 milioni di dollari.

Che il digitale stia soppiantando il pacchettizzato mandando in crisi i colossi del mercato retail è ormai un dato di fatto, ma vedere un gigante come GameStop oggetto di un’operazione di questo tipo fa un certo effetto.