QR code per la pagina originale

Shell lancia una piattaforma di trading blockchain

Il mercato del petrolio, ancora legato ai flussi di carta, si rivoluziona grazie alla blockchain di Shell basata su Quorum di JPMorgan.

,

Il processo di negoziazione secolare e cartaceo dell’industria petrolifera e del gas viene rivisto nel 2019, per gentile concessione della blockchain e di un consorzio industriale tra cui Shell, BP, ABN Amro, ING e Société Générale. Sono questi i nomi dei produttori leader mondiali di energia, di istituti finanziari e banche che si sono uniti per lanciare una nuova piattaforma di trading basata su blockchain al fine di rendere più veloci e trasparenti le negoziazioni di petrolio fisico.

Basato sulla rete crittografata e sicura del Quorum di JP Morgan, la piattaforma è in effetti la prima di trading blockchain funzionale per l’industria petrolifera e del gas. Il consorzio, riunito sotto la sigla ha il compito si svecchiare processi e metodi di un panorama davvero ancora fermo all’età della burocrazia fatta di carta, dove l’acquisto e la vendita dei prodotti passa solo per documenti stampanti, poco digitale e dunque una certa lentezza dei flussi. Il che significa che le note di credito e le fatture devono essere completate manualmente, e quindi inviate via e-mail o fax alle parti interessate.

Secondo il Financial Times, che ha riportato la nascita di VAKT, il procedimento via blockchain renderà il mondo più veloce, più economico e più sicuro, a partire dallo scambio delle materie prime, focus principale del business degli operatori interessati. Inizialmente, la piattaforma VAKT sarà disponibile solo per i membri del consorzio, poi approderà in maniera più ampia  più ampia entro fine mese. A livello tecnico, il progetto Quorum di JPMorgan funziona sulla blockchain Ethereum (ETH) ed è modellato sul client Ethereum Go. La piattaforma è già utilizzata dalle società farmaceutiche Pfizer (che hanno partecipato al test) e Genentech, oltre che Microsoft Azure.