QR code per la pagina originale

Stazione spaziale, il futuro è dentro un asteroide

Secondo un ambizioso progetto, in futuro potrebbe essere possibile costruire una stazione spaziale dentro un asteroide.

,

Sembra vera e propria fantascienza, ma un giorno potrebbe essere la realtà. Un gruppo di ricercatori ha scoperto che sarebbe possibile erigere una stazione spaziale all’interno di lontani asteroidi, e così estrarre materiali preziosi. Dal punto di vista matematico sarebbe possibile farlo con l’asteroide giusto, che deve essere largo alcune centinaia di metri.

Gli esperti dicono, tuttavia, che ci vorranno diversi decenni prima che il progetto possa divenire realtà. Altri scienziati rigettano tale teoria, in quanto non si conosce abbastanza della composizione fisica degli asteroidi, o almeno non tanto da essere certi che la costruzione di una stazione spaziale all’interno di un enorme roccia non causi la frantumazione della stessa.

Thomas Maindl, dell’Università di Vienna, afferma che il progetto porterebbe due principali vantaggi: permetterebbe alla stazione spaziale di evitare il danno causato dalle radiazioni e consentirebbe l’estrazione mineraria. Afferma infatti:

Se trovassimo un asteroide abbastanza stabile, potremmo non aver bisogno di muri in alluminio o in altri materiali; potremmo essere in grado di usare l’intero asteroide come stazione spaziale.

La struttura di questo potenziale progetto potrebbe avere varie forme, da una semplice caverna a una nave spaziale più complessa, simile alla ISS. L’asteroide ideale dovrebbe essere di pietra solida e girare da una a tre volte al minuto per fornire la sufficiente gravità per l’ambizioso progetto. Questo, dicono gli scienziati, sarebbe sufficiente per consentire alle macchine di tenersi in piedi e funzionare adeguatamente.

L’estrazione mineraria sulla superficie della maggior parte degli asteroidi è impossibile in quanto la gravità creata dalle rocce rende inutili martelli e altri strumenti. Costruire una stazione all’interno consentirebbe di creare una gravità simulata, indispensabile per rendere l’estrazione mineraria un’attività praticabile.