QR code per la pagina originale

Nvidia GeForce GTX 1660 Ti si fa in tre

La versione economica delle RTX, la GTX 1660 sarebbe più vicina del previsto in tre iterazioni di produzione.

,

Il lancio delle Nvidia GeForce GTX 1660 Ti si avvicina sempre di più, almeno stando alle indiscrezioni che appaiono costantemente in rete, in crescendo. Le ultime, mostrano non una, non due ma tre diverse varianti, proposte da produttori di terze parti. Videocardz ha catturato e pubblicato alcune foto delle confezioni per la vendita al dettaglio sia delle EVGA GeForce GTX 1660 Ti XC, che delle Palit GTX 1660 Ti StormX e Galax GeForce GTX 1660 Ti. Tutte le schede grafiche, da quello che possiamo intendere, saranno rese note il 22 febbraio, una settimana dopo del lancio previsto per il 15 febbraio, data di cui si vocifera da tempo.

I leak delle confezioni  sembrano confermare alcune voci ricorrenti sulle GeForce GTX 1660 Ti, inclusi gli shader basati su Turing della GPU e i 6 GB di memoria video GDDR6. Particolare di rilievo sono proprio i “Turing Shader”, una caratteristica che permette di ottenere un netto miglioramento delle prestazioni nei videogiochi, sia in quanto a grafica che fluidità di manovra, come nel caso di Wolfenstein 2, mostrato in precedenza.

Non c’è una sola menzione sul ray tracing, e a supporto della teoria che le schede grafiche non saranno dotate di una delle caratteristiche su cui punta maggiormente la concorrenza, oltre alla serie RTX. Certo, restano vari dubbi sulla veridicità delle indiscrezioni ma c’è da dire che le versioni postate da Videocardz sono le stesse disponibili per la Nvidia GeForce RTX 2060, dunque un fondo di verità potrebbe esservi. Indipendentemente da ciò, la data di rilascio di Nvidia GeForce GTX 1660 Ti si sta avvicinando rapidamente, quindi sapremo presto se la GPU è reale o meno.

Ricordiamo come la suddetta 1660 sarà un’offerta economica nel mondo Nvidia, nonostante ospiti molte delle innovazioni a bordo dei modelli di fascia alta, le RTX, le cui 2060 sono state annunciate all’ultimo CES 2019.