QR code per la pagina originale

Inbox by Gmail chiude il 2 aprile

Il tempo per prepararsi allo shut down di Inbox by Gmail è sempre meno, la data fatidica sarà infatti il 2 aprile.,

,

Ne avevamo già scritto lo scorso settembre, ma ora il tempo per prepararsi allo shut down di Inbox by Gmail – servizio di posta elettronica alternativo a Gmail – è sempre meno. Google aveva annunciato che Inbox sarebbe stato chiuso verso la fine di marzo 2019, mentre in realtà c’è qualche giorno in più: la data fatidica sarà infatti il 2 aprile.

L’email lanciata quasi 4 anni fa aveva diverse idee originali e funzionalità davvero interessanti, e persino una grafica tutta sua e che si differenziava rispetto alla casella di posta “ammiraglia” Gmail.

Al momento il servizio funziona ancora, ma alcuni utenti hanno segnalato su Reddit, il 18 marzo, di aver ricevuto una notifica da bigG che indica che la piattaforma andrà definitivamente in pensione tra 15 giorni. Facendo un rapido calcolo, significa che il shut down è previsto per il 2 aprile.

Questo il messaggio presente nell’app: “Questa app cesserà tra 15 giorni. Puoi trovare le funzionalità preferite di InBox nell’app Gmail. I tuoi messaggi ti stanno già aspettando”.

Gli utenti non dovranno far altro che passare (o tornare) a Gmail, che in questi anni tra l’altro ha preso parecchio “spunto” proprio da Inbox per le sue ultime migliorie, ad esempio la nuova impostazione grafica e gli snooze.

Negli ultimi 4 anni – questo l’annuncio ufficiale di Google di settembre – ci avete aiutato a migliorare la posta elettronica. Abbiamo preso le funzionalità più popolari di Inbox e le abbiamo integrate in Gmail per aiutare oltre un miliardo di persone a fare di più con le loro email, ogni giorno. Grazie.

Di conseguenza, prevediamo di concentrarci esclusivamente su Gmail e dire addio a Inbox alla fine di marzo 2019. Sappiamo che il cambiamento è difficile, per questo motivo abbiamo creato una guida per la transizione e aiutarvi a passare da Inbox a Gmail.

Il passaggio a Gmail non dovrebbe essere particolarmente doloroso e per l’occasione Google ha realizzato una guida ad hoc per andare incontro agli utenti Inbox, disponibile a questo link.

Fonte: 9to5google • Immagine: Google