QR code per la pagina originale

Xiaomi annuncerà due smartphone Android One?

Xiaomi dovrebbe annunciare due nuovi smartphone Android One con lettore di impronte digitali in-display, i cui nomi potrebbero essere Mi A3 e Mi A3 Lite.

,

Lo Xiaomi Mi A1 ha avuto un notevole successo, quindi il produttore cinese ha deciso di annunciare i successori Mi A2 e Mi A2 Lite. Gli esperti di XDA Developers hanno ricevuto alcune informazioni sulla terza generazione degli smartphone Android One che dovrebbero arrivare sul mercato nel prossimi mesi.

I nomi in codice dei due modelli sono “bamboo_sprout” e “cosmos_sprout”. Il suffisso “_sprout” viene utilizzato per indicare tutti gli smartphone Android One. I nomi commerciali potrebbero essere Mi A3 e Mi A3 Lite. Nel codice del firmware è stato individuato un altro interessante indizio, ovvero il termine “fod“, acronimo di “fingerprint-on-display“. I nuovi dispositivi dovrebbero quindi avere un lettore di impronte digitali in-display. Quasi certamente sarà di tipo ottico, in quanto un sensore biometrico ad ultrasuoni richiede uno schermo OLED, troppo costoso per smartphone di fascia media.

Non ci sono al momento informazioni sulle fotocamere posteriori (almeno due), mentre quella frontale potrebbe avere un sensore da 32 megapixel con supporto alla tecnologia Super Pixel 4-in-1, nota anche come Pixel Binning. Quasi certa la presenza di un piccolo notch nella parte superiore, un design che Xiaomi ha adottato per i suoi recenti smartphone.

Gli attuali Mi A2 e Mi A2 Lite integrano i processori octa core Snapdragon 660 e 625. Nel codice non è stato trovato nessun riferimento ai SoC, ma si presume che il produttore cinese sceglierà chip più potenti, ad esempio Snapdragon 636 per il Mi A3 Lite e Snapdragon 675 o 710 per il Mi A3. La dotazione hardware dovrebbe comprendere inoltre 4 o 6 GB di RAM e 32/64/128 GB di storage.

Il sistema operativo sarà ovviamente Android 9 Pie in versione stock. Essendo smartphone Android One, Xiaomi garantirà almeno due aggiornamenti (Android Q e R) e la distribuzione delle patch di sicurezza per tre anni.