QR code per la pagina originale

Windows 10, addio alla rimozione sicura

Microsoft ha deciso di pensionare la vecchia usanza di dover scegliere l'opzione rimozione sicura dell'hardware per scollegare una periferica.

,

Quando si inizia ad usare un PC Windows, la prima cosa che viene insegnata è che quando si deve scollegare una periferica di memoria USB è necessario selezionare l’opzione “rimozione sicura” del dispositivo prima di effettuare questa operazione per evitare di danneggiare la periferica. Bene, con Windows 10 questa accortezza non sarà più necessaria.

Microsoft ha confermato che con l’arrivo di Windows 10 1809, cioè con Windows 10 October 2018 Update, l’opzione “rimozione rapida” è diventata l’impostazione di default del sistema operativo. Questa opzione permette di scollegare i drive USB dal computer senza dover selezionare l’opzione di rimozione sicura dell’hardware. Questo significa che tutti coloro che dispongono di Windows 10 October 2018 Update possono scollegare le periferiche USB senza prestare particolari accortezze. La nuova opzione “rimozione rapida” attiva di default evita che Windows tenti continuamente di scrivere su di un’unità flash. Operazione che potrebbe causare danni alla memoria esterna se l’utente dovesse inavvertitamente scollegarla mentre Windows sta operando su di essa.

Con Windows 10 October 2018 Update non ci sarà quindi più bisogno di temere nulla. Una novità che magari interesserà poco agli utenti Windows 10 visto che ben pochi prestavano attenzione alla rimozione corretta dell’hardware. Tuttavia, adesso gli utenti potranno estrarre, per esempio, la loro chiavetta USB senza temere che la loro azione possa in qualche modo danneggiarla.

Grazie a questa piccola novità, una delle abitudini più vecchie di Windows va ora in pensione. Forse Microsoft poteva pensarci prima ma è un bene che alla fine abbia deciso di offrirla ai suoi utenti.

Questa novità non richiede alcun tipo di configurazione e si attiva di default con l’installazione di Windows 10 October 2018 Update. Rimarrà presente anche con l’installazione di tutti i futuri prossimi grandi aggiornamenti funzionali di Windows 10.